header

Magda Negri

header

Su invito del comando dell'Esercito dell'area nord ho partecipato a uno degli ultimi raduni d'arma in occasione del 150esimo a Novara: il raduno nazionale dei carristi.

Solita regia efficace e anche solita assenza dei rappresentanti del centrodestra e del Governo. C'era il nuovo sindaco di Novara, particolarmente brillante, i parlamentari del Pd e la sola presidente leghista del Consiglio Provinciale.

Il Capo di Stato Maggiore dell'Esercito, carrista, ha scelto proprio Novara per dare l'addio all'esercito. Ho sempre considerato questo alto ufficiale un uomo molto cordiale, simpatico, un emiliano alla mano che ha diretto grandi missioni internazionali. Ha ricordato i suoi primi comandanti quando era allievo ufficiale, non ha parlato di sè e del periodo più smagliante della sua esperienza, ma si è rivolto solo ai giovani soldati e ha usato una metafora che si adatterebbe anche a molti politici: il tramonto sta scendendo sulla mia esperienza di vita militare, ma resto in riserva a disposizione. Solo che l'esercito ha linee di comando, scansioni temporali e un'oggettività di funzioni che è del tutto aliena alle dinamiche delle elite politiche.

Cerca nel sito


Podcast

Appuntamenti

Salvare l'Europa: come uscire dal debito e dalla stagnazione

Venerdì 26 febbraio 2016
Sala Viglione, Palazzo Lascaris
Via Alfieri 15
Torino

Presiede: Magda Negri

Intervengono: Davide Gariglio, Mercedes Bresso, Alberto Majocchi, Enrico Morando

Leggi tutto...

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico