header

Magda Negri

header

Ieri eravamo in molti - e tutti piuttosto anziani - a dare l’estremo saluto al comandante Lupo, alias Ferdinando Gattini, morto a 90 anni per un ictus e una caduta, sfuggendo, come estremo atto di libertà, alle cure della moglie e dell’infermiera.

Gattini, affettuosamente chiamato da tutti Gatto, è un pezzo di storia esemplare della sinistra non solo torinese. Dopo l'8 settembre partecipò alle brigate Garibaldi vicino a Firenze e alla liberazione della città, poi venne a Torino a fare l’operaio metalmeccanico. Iscritto al PCI, fu licenziato per rappresaglia nel '51. Negli anni '70 fu sindaco di Orbassano e poi per tanti anni consigliere e amministratore.

 

Mordace, simpatico e aggressivo non imparò mai il piemontese. Allegro fino all’ultimo, gettava sempre il cuore oltre l’ostacolo.

Maria Grazia Sestero ne ha fatto uno splendio ricordo. Penso sia stato regista del suo funerale: ci ha salutato con "Bella Ciao" cantata in sottofondo, poi, nel tempio crematorio, con un funerale laico e senza benedizioni, la bara si è allontanata.

Una vita vissuta con pienezza per gli altri, per un ideale. Persone come il comandante Lupo restano con noi anche dopo l’ultimo abbraccio. 

Cerca nel sito


Podcast

Appuntamenti

Salvare l'Europa: come uscire dal debito e dalla stagnazione

Venerdì 26 febbraio 2016
Sala Viglione, Palazzo Lascaris
Via Alfieri 15
Torino

Presiede: Magda Negri

Intervengono: Davide Gariglio, Mercedes Bresso, Alberto Majocchi, Enrico Morando

Leggi tutto...

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico