header

Magda Negri

header

Giovedì 10 gennaio a Torino Enrico  Morando ha svolto una efficacissima e illuminante  illustrazione del testo base aggiornato di statuto nazionale. lo potete trovare in http://www.partitodemocratico.it/adon/files/bozza_del_9_gennaio.pdf 
 
Di interesse particolare l'art. 9, dove si cerca di mettere a fuoco il procedimento di formazione delle liste e delle candidature, da parte degli "aderenti" (alias iscritti), liste e candidature da sottoporre poi in elezioni generali ai "sostenitori". E' questo il punto in cui emergono i diversi ruoli affidati alle due categorie di partecipanti.

Un passaggio chiave : qui si sfata l'idea che i dirigenti si selezionano dopo aver definito le opzioni programmatiche, e si mette alla prova il gruppo dirigente -in carica o aspirante tale- discutendo del suoi indirizzi concreti e della sua capacità di proporli.
 Nel dibattito che ne è seguito, ha parlato Gariglio per difendere invece l'uso delle preferenze come metodo di selezione del gruppo dirigente del partito. Un punto chiave. Il ruolo rivestito dalle preferenze nel processo politico è una delle vere discriminanti fra DC e PCI.
 Ci sarà battaglia, in commissione Statuto nazionale. Per la selezione dei gruppi dirigenti comunali e provinciali la materia è interamente di competenza regionale.

Cerca nel sito


Podcast

Appuntamenti

Salvare l'Europa: come uscire dal debito e dalla stagnazione

Venerdì 26 febbraio 2016
Sala Viglione, Palazzo Lascaris
Via Alfieri 15
Torino

Presiede: Magda Negri

Intervengono: Davide Gariglio, Mercedes Bresso, Alberto Majocchi, Enrico Morando

Leggi tutto...

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico