header

Magda Negri

header

21 Dicembre.

Per la prima volta a Torino, dopo il seminario del 6 e 7 ottobre ad Orvieto, dirigenti e militanti che intendono impegnarsi per la nascita di un nuovo soggetto politico, si ritrovano pubblicamente, per ragionare insieme sulla scorta della relazione di Piero Fassino al recente Consiglio Nazionale.
Folla delle grandi occasioni, militanti, direttivi di sezione, un po’ di eletti.
Eppure tutta la discussione si dipana tra un “dover essere, dover fare, dover accettare la sfida…” e un lancinante senso di possibile deprivazione d’identità.
In un certo senso, abbiamo fatto una discussione sui presupposti etico-sostanziali del Partito (e pensavamo al nostro, all’attuale) e abbastanza poco sui dati storico-attuali, di lungo periodo, del Paese.
Non sarà facile, se la preoccupazione fondamentale rimarrà quella di rassicurare i protagonisti della trasformazione (noi) che c’è poco da trasformare, e solo perfezionare una conosciuta continuità.
Non sarà facile, se nessuno parla di referendum elettorale, pochi delle riforme necessarie, molti dei nodi della laicità, come fossero il nuovo muro di Berlino, se alcuni compagni sentono il bisogno di dire quello che il Consiglio Nazionale ha già escluso: che ci sarà un secondo Congresso dei DS.
Ma poiché non mi è mai piaciuta (dal 1989 in poi) l’artificiosa distinzione tra avanguardisti e resistenti o malpancisti, penso che trasversalmente stanno crescendo sentimenti e riflessioni nuove nel corpo del Partito. C’è un grande fermento, che non trova espressione. C’è anche qualche rischio di confusione e di doroteismo.
Vincerà (non facciamoci tiranneggiare dall’ossessione dei numeri e delle percentuali congressuali, non siamo all’auditel) chi saprà usare parole di verità, disegnare il nuovo, mettersi in gioco.
Qualche volta basta solo un po’..

Cerca nel sito


Podcast

Appuntamenti

Salvare l'Europa: come uscire dal debito e dalla stagnazione

Venerdì 26 febbraio 2016
Sala Viglione, Palazzo Lascaris
Via Alfieri 15
Torino

Presiede: Magda Negri

Intervengono: Davide Gariglio, Mercedes Bresso, Alberto Majocchi, Enrico Morando

Leggi tutto...

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico