header

Magda Negri

header

In queste settimane sulle pagine della cronaca torinese dei quotidiani si sono letti diversi articoli sulle nomine  nelle partecipate del Comune e di altri enti locali.

 Spesso si sono letti nomi presentati  come indicati  ed espressi da dirigenti del Pd.  Può darsi che  ciò sia il frutto di una banalizzazione giornalistica, ma questa non è l’immagine e tanto meno il ruolo che deve dare e avere il partito. Questa non è la strada che come Pd dobbiamo seguire e non è il messaggio che dobbiamo far arrivare all’opinione pubblica, che così rischia di disaffezionarsi ancora di più.

 Sulla materia delle nomine di “sottogoverno” ci sono i regolamenti della Provincia del Comune e della Regione che indicano quali criteri seguire. A doversene occupare in modo diretto sono i nostri capigruppo delle assemblee elettive, non il partito in quanto tale. Al limite dal partito deve arrivare uno stimolo a individuare le migliori energie e competenze, ma non l’indicazioni di nomi. La vera battaglia ( e sfida)  del nostro partito deve essere quella del merito e della trasparenza nella selezione delle competenze.

 

Cerca nel sito


Podcast

Appuntamenti

Salvare l'Europa: come uscire dal debito e dalla stagnazione

Venerdì 26 febbraio 2016
Sala Viglione, Palazzo Lascaris
Via Alfieri 15
Torino

Presiede: Magda Negri

Intervengono: Davide Gariglio, Mercedes Bresso, Alberto Majocchi, Enrico Morando

Leggi tutto...

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico