header

Magda Negri

header

 

Forse avevano ragione gli amici e compagni che dicevano  e suggerivano di aspettare le amministrative, con un occhio concentrato e attento su Milano, per adeguare, non cambiare, l’iniziativa politica del Pd. Vincere a Milano cambierebbe l’ordine del giorno che incombe, vale a dire costruire una transizione al dopo Berlusconi. Però se ci fosse  qualche frattura del centrodestra alle amministrative, la questione posta da Veltroni del governo di transizione di responsabilità nazionale modello Ciampi che ridefinisce l’agenda riformista e fa la riforma elettorale tornerebbe in campo. Ciò aprirebbe nel centrodestra contraddizioni non episodiche. Quella ipotesi potrebbe prendere velocità e senso politico dunque.
La settimana prossima, con la consegna del documento governativo economico finanziario 2011 presentato alla Presidenza del consiglio dei ministri solo il 13 aprile  che sarà otato solo dalla Camera, questa iniziativa non sarà carta straccia, ma la carta di identità dell’Italia esibita all’Europa, per tenere il ritmo del rientro del debito. Galan se ne è accorto e i leghisti anche. Quel documento e le controproposte del centro sinistra rappresentano il perimetro dell’azione politica di tutti i soggetti in campo. Prima il Pd se ne accorge e meglio è.

Cerca nel sito


Podcast

Appuntamenti

Salvare l'Europa: come uscire dal debito e dalla stagnazione

Venerdì 26 febbraio 2016
Sala Viglione, Palazzo Lascaris
Via Alfieri 15
Torino

Presiede: Magda Negri

Intervengono: Davide Gariglio, Mercedes Bresso, Alberto Majocchi, Enrico Morando

Leggi tutto...

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico