header

Magda Negri

header

All’ultima direzione nazionale si può dire che Bersani ha segnato un passo avanti quando ha tracciato l’obiettivo e ha proposto una narrazione unitaria – Vendola fa scuola – di questi primi anni di nascita e sviluppo del partito. Sulle altre questioni più politiche è ormai un punto di non ritorno. Con la difesa delle primarie  e l’idea di sancire per legge il finanziamento democratico dei partiti (art.49 Costituzione). Mentre resta insoluto l’importante tema se nelle primarie di coalizione il Pd debba andare con un solo candidato. Io e la più parte pensiamo di no.  E Bersani è ormai lontano da quel se stesso che insisteva sulla separazione fra il ruolo  di segretario politico e il candidato premier, punto “liberal-veltroniano” che sancisce la natura maggioritaria  del nuovo partito. Pare strano che su questo punto  che ha diviso le mozioni ora si profili una soluzione unitaria , come se nulla fosse accaduto, fosse stato detto e pensato. Nella direzione è stato lanciato un percorso  che porterà  a 3 siti di libera discussione  sui problemi del partito e su cosa è necessario per la sua riforma. Uno per i membri della direzione e gli altri aperti a circoli e singoli. Riprendendo l’idea storica  del Pci della seconda metà degli anni’80 e del Pds degli an ni’90, Bersani ha cercato di sterzare e ha suggerito una composizione degli organismi dirigenti per metà  federale, cioè con una rappresentanza territoriale. Dura la reazione dei indiani che hanno difeso il pluralismo correntizio. Silenzio da parte degli altri. Si è cominciato a ragionare sulla selezione democratica dei futuri parlamentari. Cosa difficile da fare  con liste lunghe che devono contemperare rappresentanze di sesso. Contraria la dichiarazione di Franceschini  e dei suoi collaboratori. Anche la legge elettorale è stato un tema toccato. Si vorrebbe tornare al porcellum. Poi un duro intervento di Parisi ha stoppato qualche tentazione magiara di troppo.

 

Cerca nel sito


Podcast

Appuntamenti

Salvare l'Europa: come uscire dal debito e dalla stagnazione

Venerdì 26 febbraio 2016
Sala Viglione, Palazzo Lascaris
Via Alfieri 15
Torino

Presiede: Magda Negri

Intervengono: Davide Gariglio, Mercedes Bresso, Alberto Majocchi, Enrico Morando

Leggi tutto...

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico