header

Magda Negri

header

In attesa del dibattito sul voto di fiducia alla Camera, la ripresa in Senato è stata in tono minore e piuttosto confusa, però si sente un po' il segno dei tempi.

Considero positivo ad esempio che, dopo l'impegno del Governo verso l'Europa di attivare la nostra economia anche aprendo la chiusura degli ordini professionali discriminatori specialmente verso i giovani, ci sia stata una piccola rivolta bipartisan contro un ddl unanimemente votato in Commissione Sanità, che avrebbe istituito 5 nuovi ordini e 10 nuovi albi per le professioni sanitarie non mediche. Se non ci fosse stato  lo shock della crisi ci saremmo infilati pedissequamente in questa ulteriore strettoia del mercato del lavoro.

Negativo invece, visto anche dall'ottica della mia Commissione Difesa, che l'accorciamento dei lavori parlamentari e l'impegno dei ministri e dei sottosegretari tutti alla Camera, abbia fatto decadere temporaneamente la discussione di provvedimenti molto importanti quali le nuove norme europee per gli appalti delle produzioni d'arma (sempre in senso liberalizzatore) e la discussione sul codice di pace delle missioni internazionali.

Al minimo stormir di fronda, al minimo impegno ulteriore, il Governo latita e schiva lavoro e problemi. Il senso di precarietà crescente rischierà di estenuare l'operatività possibile di questo scorcio di legisltaura.

Cerca nel sito


Podcast

Appuntamenti

Salvare l'Europa: come uscire dal debito e dalla stagnazione

Venerdì 26 febbraio 2016
Sala Viglione, Palazzo Lascaris
Via Alfieri 15
Torino

Presiede: Magda Negri

Intervengono: Davide Gariglio, Mercedes Bresso, Alberto Majocchi, Enrico Morando

Leggi tutto...

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico