header

Magda Negri

header

L’attività d’autunno è ripresa con molta durezza anche se spero non nel modo "violento" che Renzi descrive. La Festa provinciale di Torino ha avuto un buon esito anche se dovremo pensare a format più accattivanti per coinvolgere il pubblico giovane. I segni che vengono dall'Europa sono contraddittori: da una parte grande liquidità della BCE alle banche nazionali ed elementi di mutualizzazione dei debiti che "comunitarizzano" il rischio. Dall'altra il dato fortemente negativo della Germania che ha anticipato il pareggio di bilancio e non intende in nessun modo avviare una politica interna espansiva. Si rischia in Europa un inedito conflitto nord-sud.

In Italia il dibattito sulla riforma del mercato del lavoro assume di fatto la stessa valenza che ebbe nel 1984 la scala mobile e nel 2011 la Riforma Fornero sulle Pensioni. Dovremo decidere tutto entro l’8 ottobre, data del vertice Europeo, e trovare persuasive soluzioni tra flessibilità in uscita, tutele universalistiche e riforma della selva contrattuale esistente. Tutti oggi fanno riferimento al piano Harts del 2003, che cambiò il mondo del lavoro il Germania ma ognuno di quel piano prende il pezzo preferito.

Considero del tutto legittima la battaglia che la variegata minoranza del PD vuol fare sull’articolo 18 ma mi auguro che il senso politico di questa iniziativa possa abbracciare tutto l’ordine dei problemi aperti e, sono sicura, si troverà una soluzione che non ci costringerà ad accettare il voto di Forza Italia come determinante.

Resta il problema politico e non solo parlamentare di come il PD può diventare un soggetto politico autonomo, in grado di reggere, su più fronti, battaglie riformiste di lunga durata e non si avvoltoli in scaramucce e rancori d’apparato.

Abbiamo un problema di reattività politica, organizzativa, culturale, che la battaglia di questi giorni nella sua asprezza rende del tutto evidente.

 

Cerca nel sito


Podcast

Appuntamenti

Salvare l'Europa: come uscire dal debito e dalla stagnazione

Venerdì 26 febbraio 2016
Sala Viglione, Palazzo Lascaris
Via Alfieri 15
Torino

Presiede: Magda Negri

Intervengono: Davide Gariglio, Mercedes Bresso, Alberto Majocchi, Enrico Morando

Leggi tutto...

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico