header

Magda Negri

header

Resterà nella storia d’Italia la tragica vicenda di Valeria Soresin.

Forse fra i giovani “fucilati” al teatro di Parigi c’erano altri futuri cittadini europei colti, coraggiosi, socialmente impegnati - e li volgiamo ricordare in qualche modo riassunti in lei - ma Valeria ha avuto due genitori eccezionali che hanno soffocato il dolore nella celebrazione della figlia come “cittadina” e “persona” esemplare, ne hanno fatto un simbolo di forza e libertà.

Valeria l’hanno abbracciata, l’Italia si è inchinata e il feretro di Valeria, alto nella piazza dei Dogi, è stato simbolo di laicità e speranza, rispettata dai rappresentanti, voluti dal padre, delle grandi religioni.

Mi piace pensare a Valeria viva come a una figlia amata, rispettata, ammirata dai suoi straordinari genitori.

Con la loro forza intellettuale l’hanno come strappata a una morte ingiusta e crudele e fatta rivivere nella luce del simbolo e del massaggio.

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico