header

Magda Negri

header

Continua a stupirmi l’atteggiamento di cauta moratoria e di attendismo del governo italiano sulla questione della guerra all’Isis. Prima o poi saremo trascinati a prendere una posizione più netta e a dare un contributo più fattivo dell’attuale.

Tutti parlano di salto di qualità, Putin evoca addirittura (paradossalmente) l’uso di strumenti nucleari. Ashton Carter, segretario alla difesa degli USA ha parlato di una guerra da combattere e davincere in ogni modo.

Il califfato sembra insediarsi in quella Libia rispetto alla quale noi rivendichiamo - non so in forza di che - un futuro ruolo egemone. Pare evidente che occorrerà una nuova Jalta per il medioriente e il mediterraneo. La formazione di una nuova e fattiva alleanza allo stato dei fatti non vede l’Italia in un ruolo di rilievo geopolitico che possa proiettarsi nei prossimi anni.

Cerca nel sito


Podcast

Appuntamenti

Salvare l'Europa: come uscire dal debito e dalla stagnazione

Venerdì 26 febbraio 2016
Sala Viglione, Palazzo Lascaris
Via Alfieri 15
Torino

Presiede: Magda Negri

Intervengono: Davide Gariglio, Mercedes Bresso, Alberto Majocchi, Enrico Morando

Leggi tutto...

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico