header

Magda Negri

header

Nel dibattito sul referendum costituzionale, incominciato male e che sembra proseguire peggio, in un esasperato politicismo e personalismo, segnalo volentieri l’articolo di Sergio Fabbrini, esemplare per concretezza e onestà intellettuale. «Non bisogna- dice giustamente Fabbrin i- fare deragliare un treno in corsa perché non ci piace la stoffa dei sedili e degli scompartimenti.»

I punti fondamentali: il superamento del bicameralismo maggioritario è un fatto storico poiché, come avviene in tutte le grandi democrazie parlamentari, la fiducia al Governo sarà data solo dalla Camera dei Deputati. Fa bene Fabbrini a non indulgere troppo     sull’ argomento populistico del “così si risparmiano i soldi”. La legge elettorale, approvata per la sola Camera dei Deputati, rimuove le maggioranze differenziate alla Camera e al Senato sulle quali erano inciampati quasi tutti i governi della Seconda Repubblica.

Si riconosce giustamente che manca l’introduzione della sfiducia costruttiva e questo è un grave limite in quanto la stabilità politica non è ampiamente garantita; basterebbe infatti il voltafaccia di una trentina di parlamentari per far saltare il Governo. Molto interessante la riflessione sugli adattamenti continui, in Canada e in Germania, del rapporto tra Regioni e Stato Centrale. Si apprezza il ruolo più forte dei referendum e il non intervento nella composizione e nei poteri della magistratura che invece la riforma di Berlusconi del 2006 aggrediva pesantemente. Ha ragione Fabbrini: è questione di visione del futuro del Paese.

Anche l’articolo di Ceccanti "Un sì per non ritornare nella palude" sull’ Unità di domenica 22 maggio rafforza questa impostazione, come l’appello degli intellettuali di Mondo Operaio che intravedono che sarà spuntata l’arma della questione della fiducia con la quale i governi hanno finora ricattato le due Camere.

In questo modo il rafforzamento dell’esecutivo porterà con sé il rafforzato e rinnovato ruolo del Parlamento.

Cerca nel sito


Podcast

Appuntamenti

Salvare l'Europa: come uscire dal debito e dalla stagnazione

Venerdì 26 febbraio 2016
Sala Viglione, Palazzo Lascaris
Via Alfieri 15
Torino

Presiede: Magda Negri

Intervengono: Davide Gariglio, Mercedes Bresso, Alberto Majocchi, Enrico Morando

Leggi tutto...

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico