header

Magda Negri

header

L’inchiesta di Enzo Risso direttore scientifico di SWG ieri sull’Unità ci aiuta a capire un po’ anche come e perché sono andate le vicende del secondo turno a Torino. Vale a dire secondo numerosi ricercatori sociali, il centro-destra cosiddetto di una volta, liberale, grande, moderato e insieme con elementi di conservazione, praticamente non esiste più. Si è appannata l’etichetta identitaria, la base elettorale del potenziale centro destra non ha più caratteristiche liberaldemocratiche, ma, al Nord, è attratta da un nuovo principio politico identitario, quello che chiamano il pivot attrattivo : “Prima gli italiani””Contro gli immigrati” “cotro la globalizzazione cattiva e difficile”, un sentimento antieuropeista, anti-euro, anti-tasse, con pulsioni patriottiche. Al Sud invece ritorna una sorta di ribellismo rabbioso insieme a ricerche di tutela sociale classiche, un antistatalismo antico, la voglia di buttare tutto all’aria. Insomma, aspettando una nuova leadership, la base sociale del centro-destra è radicalmente cambiata, ha un umore nuovo, un umore vero, gretto, populista puro. Secondo me tutto questo c’era già nel blocco berlusconiano, ma diciamo era tenuto insieme da una rete politica più classica. Se è così il tentativo benemerito di Parisi di ridare all’Italia un soggetto politico liberal democratico conservatore alla Sarkozy diciamo, non sembra tanto facilmente percorribile. Se è così è possibile che , se non cambia la legge elettorale, il nostro competitore sarà il 5Stelle e se resta così, se non cresce una nuova cultura politica nel Centro Destra, i rischi che Torino si amplifichi a livello nazionale, sono, secondo me, piuttosto seri.

Cerca nel sito


Podcast

Appuntamenti

Salvare l'Europa: come uscire dal debito e dalla stagnazione

Venerdì 26 febbraio 2016
Sala Viglione, Palazzo Lascaris
Via Alfieri 15
Torino

Presiede: Magda Negri

Intervengono: Davide Gariglio, Mercedes Bresso, Alberto Majocchi, Enrico Morando

Leggi tutto...

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico