header

Magda Negri

header

Ottima l’iniziativa degli on. Bressa e Marcenaro, che hanno presentato nel pomeriggio alla sala delle Colonne del Comune di Torino il ddl sulla cittadinanza, che potrebbe essere più facilmente concessa ai cittadini stranieri, se regolarmente residenti etc.
Folta la presenza di giovani donne serbe, etiopi, di egiziani musulmani, di egiziani cristiani-copli, di rom serbi che hanno portato testimonianze intense, vere.
Non so se alla Camera il ddl ce la farà ad essere approvato entro luglio, e cosa accadrà quando arriverà al Senato.
Pietro Marcenaro ha detto che lavorare sulla cittadinanza è “un atto temerario”, quindi necessario, aggiungo io.
Ma come non ricordare il simpatico camionista del Mali, che in ottimo italiano e con un linguaggio colto ci ha raccontato ieri di quando, dopo 17 anni nel nostro Paese ottenne la cittadinanza italiana e, matto di felicità, guidò 2 ore con il suo camion, senza sapere dove stesse andando? Ha chiesto aiuto poi una ragazzina nata a Cuneo da genitori regolarissimi (coppia mista) che non riesce ad ottenerla in nessun modo, quel mitico pass verso la piena integrazione, che aprirebbe le porte al voto amministrativo.
L’amico Bonino con empito socialista-rivoluzionario, preoccupato delle pastoie burocratiche presenti e future, ha proposto di abolirla del tutto la cittadinanza.
Cittadini del mondo (nostra patria è il mondo intero, nostra terra è la libertà…)

La Costituente in Piemonte

Apprendo da Repubblica che anche in Piemonte, reagendo alle recenti sconfitte amministrative, si lavora per dar corpo a un grande processo partecipativo.
Bene. Facciamo sentire la nostra voce ai 45. Si potrebbe – vorrei dire a Fassino – convocare anche formalmente il Comitato Nazionale per la Costituente. Liste regionali, nazionali, corte sui collegi e bloccate, corte con preferenze…Tttto questo è un optional organizzativo.
Ma c’è un “Must” politico, secondo me ogni lista deve essere politicamente fondata e politicamente leggibile. “No piattaforma programmatica, no lista”
Avranno parlato di questo i dirigenti DS e DL del Piemonte, ai “”i missi dominici” che da Roma ascoltano le periferie?

 

Cerca nel sito


Podcast

Appuntamenti

Salvare l'Europa: come uscire dal debito e dalla stagnazione

Venerdì 26 febbraio 2016
Sala Viglione, Palazzo Lascaris
Via Alfieri 15
Torino

Presiede: Magda Negri

Intervengono: Davide Gariglio, Mercedes Bresso, Alberto Majocchi, Enrico Morando

Leggi tutto...

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico