header

Magda Negri

header

Mi sono addormentata e quindi posso parlare dell'intervista di Renzi solo di seconda mano.
Non dirò come molti commentatori "tanto rumor per nulla o penultimatum".
Mi sembra di capire che, come per il Pd, anche per Iv questo governo è nato con affanno e indeterminatezza programmatica.
Ognuno pensava di ingaggiare poi un braccio di ferro.
Come pensare che i 5S in crisi potevano rinunciare al reddito di cittadinanza?
Pensarci prima.
L' unica novità apprezzabile è la proposta del sindaco d' Italia Viva: idea occhettiana ed ulivista che fu sorretta per anni da collegi maggioritari.
Non siamo mai riusciti a sostenerlo con una riforma costituzionale vera e anche l' Italicum costruiva il premierato forte attraverso la legge elettorale.
Renzi ha, solo pochi mesi, fa concordato con tutta la
la maggioranza e minoranza il ritorno al proporzionale puro.
Quindi?
Pensiamo che questa possa diventare una legislatura costituente?
Radicale e improvviso ripensamento..
Davvero Renzi pensa che il centro destra può creare con lui un fronte per le riforme costituzionali... quello stesso centro destra che fu il nemico massimo del referendum e dell' Italicum solo 2 anni fa?
Salvini e Meloni, ora interlocutori affidabili per un vasto processo di revisione costituzionali?
Diamoci obiettivi politicamente credibili.
Poi..dopo le elezioni, si aprirà una nuova fase.
 

Cerca nel sito


Podcast

Appuntamenti

Salvare l'Europa: come uscire dal debito e dalla stagnazione

Venerdì 26 febbraio 2016
Sala Viglione, Palazzo Lascaris
Via Alfieri 15
Torino

Presiede: Magda Negri

Intervengono: Davide Gariglio, Mercedes Bresso, Alberto Majocchi, Enrico Morando

Leggi tutto...

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico