header

Magda Negri

header

Non so quasi nulla della Ministra Azzolina, ma effettivamente mi piace, perchè è una giovane donna, determinata, di umili origini, ed è una donna di scuola.
Forse non sarà esperta di sistemi educativi e della loro evoluzione e forse non è un'intellettuale, ma è certamente una donna di scuola, che la conosce e la ama.
Proprio in virtù di questa mia professata simpatia, mi sentirei di dirle: "Cara Ministra, si dica e ci dica la verità. Se non si possono fare esami - e non si possono - se non si potrà tornare a scuola, se gli ultimi mesi dell'anno sono stati bruciati così, se nessuno potrà essere bocciato, la verità è che tutti saranno promossi e riporteremo alla gloria l'antico "6 politico" (allora era il 27 o il 30 degli studenti universitari) del '68.
E che dire di quel terzo di studenti e famiglie italiane che non hanno internet, un computer, un tablet?
Sono sicura che questo governo ha sensibilità, è orientato, emetterà risorse per recuperare questo gap tecnologico, gap di conoscenza, di inclusione, di fatto elemento di emarginazione dei più disagiati e dei più bisognosi."
Ex malo bonum.
Prendiamoci questo 6 politico e costruiamo un futuro nuovo per la scuola italiana.
 

Cerca nel sito


Podcast

Appuntamenti

Salvare l'Europa: come uscire dal debito e dalla stagnazione

Venerdì 26 febbraio 2016
Sala Viglione, Palazzo Lascaris
Via Alfieri 15
Torino

Presiede: Magda Negri

Intervengono: Davide Gariglio, Mercedes Bresso, Alberto Majocchi, Enrico Morando

Leggi tutto...

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico