header

Magda Negri

header

Il Pil potrebbe cadere, a fine anno, oltre il 9,10% di cui parliamo con i dati consolidati alle spalle, verso il 13%.
Colao teme 300.000 crisi aziendali entro fine anno, e Visco, con Bonomi, da ottobre in poi, la possibilità di avere 700.000/1.000.000 di posti di lavoro persi.
Tutti propongono un'eccezionale nuovo patto sociale per salvare il paese e un piano shock di interventi.
E' consapevolezza di tutti che i soldi del Recovery Fund, operanti dall'inizio del 2021, saranno essenziali, ma non autosufficienti.
Il problema è preparare adesso l'utilizzo delle risorse europee che sono venute e quelle che verranno, per uno straordinario piano di riforme: il piano nazionale delle riforme, che sarà, come quello di tutti i paesi europei, esaminato dagli organismi europei, oltre che dal parlamento nazionale.
Io credo che le forze politiche di governo e di opposizione (si, anche l'opposizione, che non può tradire questo appuntamento storico) non devono prendere come oro colato le analisi degli esperti, ma certamente devono metterle in rapporto e in pensione con i propri progetti, e programmi che non sono nati solo oggi.
Per Colao il problema fondamentale dell'Italia in relazione all'Europa e al mondo è il nanismo e la sotto capitalizzazione delle imprese italiane... per questo l'imperativo del futuro è ricapitalizzare, investire, innovare e usare come incentivi la leva fiscale.
Le proposte tecniche nel merito sono interessanti e praticabili, secondo me.
La seconda idea di Colao è la creazione di un fondo di sviluppo con dotazione di capitale 300 e 200 miliardi di euro che valorizzi il patrimonio pubblico, cui stato, regioni,province, comuni dovrebbero conferire immobili, partecipazioni di società quotate e titoli.
Non esclude di attingere anche a parte delle riserve auree di Banca d'Italia e il fondo dovrebbe esser gestito da Cassa Depositi e Prestiti.
Per la gestione delle crisi aziendali previste, che potrebbero far entrare in crisi i tribunali, si pensa a interventi di natura eccezionale, come il congelamento dei debiti per le imprese maggiori e la nomina di terra di esperti con pieni poteri verso i creditori e sei mesi di tempo massimi per chiudere le procedure di cessione o fusione o liquidazione dell'impresa.
Questo punto mi sembra molto delicato.
Si chiede inoltre la riforma del debito societario.
Non so se in questa ipotesi di Colao c'è un eccesso dirigistico, ma certo si dà alla classe dirigente italiana allargata, non solo alla classe politica, il dovere di governare in modo nuovo la nuova crisi.
 

Cerca nel sito


Podcast

Appuntamenti

Salvare l'Europa: come uscire dal debito e dalla stagnazione

Venerdì 26 febbraio 2016
Sala Viglione, Palazzo Lascaris
Via Alfieri 15
Torino

Presiede: Magda Negri

Intervengono: Davide Gariglio, Mercedes Bresso, Alberto Majocchi, Enrico Morando

Leggi tutto...

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico