header

Magda Negri

header

"Love difference... fear indifference".
Uno degli slogan più belli che ho visto su un cartello di modesto cartone, scritto a mano, tenuto da una ragazza bianca alla manifestazione di Milano ieri.
Bellissima, molto scenograficamente studiata, quella di Torino... folte manifestazioni di giovani ovunque in Italia e in Europa..
Passano i secoli... ma i simboli restano depositati nelle coscienze nella loro cruda essenzialità.
Tu nero io bianco ... i bianchi europei e gli arabi hanno
organizzato per secoli la schiavitù dei neri.
Gli americani ci hanno fatto una guerra civile e la questione razziale cammina insieme alla loro democrazia.
Noi europei siamo un po'immuni, perché abbiamo fatto i mercanti, ma non avevamo la"merce" in casa.
Il razzismo si nasconde e si camuffa dentro ognuno di noi.
Guardare all' immigrazione e alle condizioni dei lavoratori di colore in Italia.
Questioni di coscienza.
Le manifestazioni di questi giorni rivelano che sta crescendo una generazione di giovani europei dalla coscienza pulita.
Speriamo che questa forza li accompagni per tutta la loro vita e cambi la vita di quelli che verranno dopo di noi.
 

Cerca nel sito


Podcast

Appuntamenti

Salvare l'Europa: come uscire dal debito e dalla stagnazione

Venerdì 26 febbraio 2016
Sala Viglione, Palazzo Lascaris
Via Alfieri 15
Torino

Presiede: Magda Negri

Intervengono: Davide Gariglio, Mercedes Bresso, Alberto Majocchi, Enrico Morando

Leggi tutto...

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico