header

Magda Negri

header

Premio Nobel per la pace attribuito per il 2020 all' agenzia Onu, che con World Food Programme si occupa del programma alimentare mondiale e il suo lavoro in tempi di pandemia.
Più di 690 milioni di esseri umani soffrono la fame nel mondo... di cui 130 di fame acuta e la pandemia rischia di raddoppiarne il numero.
Calamità naturali... sfide sanitarie, tragici strascichi delle guerre.
Mi sembra molto ottimistco il programma ONU di arrivare a 0 fame per il 2030.
Nell'epoca delle globalizzazioni, che pure hanno strappato alla fame centinaia di milioni di persone - si pensi alla Cina e all'India - il fenomeno tuttavia permane e rischia ora un tragico sviluppo.
Il Covid rischia di riempire nei paesi sviluppati gli ospedali, ma in quelli più poveri e stremati dalla fame rischia di riempire le fosse.
Ricordo che alla fine degli anni '70 il problema della fame nel mondo fu potentemente affrontato dalle campagne dei radicali... dai socialdemocratici europei ... dal Pci... che con la CARTA DELLA PACE E DELLO SVILUPPO... discussa e votata ad ogni livello, qualificò un moderno profilo internazionalista.
In Piemonte dette un fondamentale contributo il compianto Bruno Ferrero.
Anche per la sinistra democratica la dimensione umanitaria e internazionale dei problemi dovrebbe animare progetti e passioni... ma fatichiamo...fatichiamo...
Suppliscono i movimenti religiosi e il Papa.
Ma il nostro è un altro mestiere.
 

Cerca nel sito


Podcast

Appuntamenti

Salvare l'Europa: come uscire dal debito e dalla stagnazione

Venerdì 26 febbraio 2016
Sala Viglione, Palazzo Lascaris
Via Alfieri 15
Torino

Presiede: Magda Negri

Intervengono: Davide Gariglio, Mercedes Bresso, Alberto Majocchi, Enrico Morando

Leggi tutto...

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico