header

Magda Negri

header

Sto sentendo per telefono molte amiche, per lo più mie coetanee, ma anche amici maschi, e capisco che l'alta marea ormai è arrivata.
Si susseguono i provvedimenti restrittivi nelle Regioni, ma ognuno di loro ha già fatto il proprio piano di vita quotidiana, ha già scelto cosa fare e cosa non fare, per lo più sono tutti molto esperti di dati e di % di ammalati e deceduti e il clima sta tornando rapidamente ad essere quello di febbraio/marzo.
I mesi più drammatici.
Chi rinuncerà al cinema, chi restringerà il proprio raggio di socialità alle telefonate, pressochè nessuno rimpiange di non poter andare tranquillamente a zonzo, in giro per negozi.
Il cibo è garantito, la vita nella sua pienezza no.
Concordano quasi tutti che le lezioni a scuola si tengano in streaming fino alle prime due classi delle superiori, ci si scambia informazioni sul vaccino contro l'influenza, che sarà a disposizione dai medici di base dopo il 20/11 e qualcuno diligente, come me, si è già procurato il vaccino contro la polmonite.
Sono, siamo, tutti molto preoccupati per la crisi economica che colpirà molto il paese e specificatamente alcuni settori dei servizi.
Quasi nessuno, per fortuna, si pone il problema che mi assilla da qualche giorno: a Roma e a Torino come faremo le primarie?
Incomincio a pensare che bisogna organizzare un voto per posta, copiando dagli americani e dagli australiani, insieme al voto online.
Prove difficili della democrazia partecipata ai tempi del Covid19.
 

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico