header

Magda Negri

header

La prendo un po'alla lontana.
Ma la questione lo merita.
Quando a 20 anni mi iscrissi al PCI, mi insegnarono cosa vuol dire "politica dei quadri".
Linguaggio terzinternazionalIsta... certo, ma in fondo una formidabile risorsa organizzativa.
Usare le persone giuste al posto giusto... seguirle su un percorso lungo... tracciare possibili sviluppi... governarne le passioni e le ambizioni.
C' era qualcosa di simile a una chiesa.... secondo alcuni... o di un esercito... secondo altri, ma non facemmo mai clamorosi errori, tali da danneggiare l' organizzazione e i suoi compiti di proiezione verso la società, per il governo delle città e del paese.
Si tendeva all'ottimizzazione delle risorse umane nel lungo periodo.
Ricerca ossessiva dei giovani di maggior valore... richiesta esigente verso le generazioni più mature di dare quello che possono.
Fino all'ultimo.
Nonostante la forza del Pd, che resta il partito più autorevole nel sistema italiano, partito non transeunte, non in mano a capi o capetti con la loro corte..
La cronaca di questi giorni ci testimonia che la politica dei quadri non esiste più.
Se la frontiera principale per il Pd è l'Europa, come si può chiedere a Gentiloni o a Sassoli o Gualtieri di candidarsi sindaci a Roma?
Come possono recentissimi parlamenteri europei - non solo Calenda- mettersi a disposizione per candidarsi in varie città italiane?
Potrei continuare con gli esempi.
L' estrema personalizzazione mediatica, insieme alla debolezza dei soggetti politici, rischia di squalificare la funzione della politica e dei politici.
Max Weber resta insuperato.
Quando la politica non è temporaneo impegno civile e diventa professione, ci vuole professionismo e carisma.
Non tutti possono e devono fare tutto... in una spasmodica ricerca di nuove funzioni e ruoli.
Perchè le persone contano.
La politica è fatta anche di persone.
Non tutto è leggibile con le lenti dell' "uno vale uno" o della rottamazione.
Paccottiglia pseudoideologica che porta male ad ogni organizzazione e ai suoi vari teorizzatori.
 

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico