header

Magda Negri

header

Considero questa intervista di Prodi una riflessione molto saggia e "benevolente" verso il governo e tutte le forze politiche che lo sorreggono.
Colpisce, in questa intervista, la considerazione disincantata che l'Italia è un paese strutturalmente in crisi, che perde ruolo sullo scenario europeo e internazionale.
Si veda l'assenza dell'Italia dal Mediterraneo.
E' una considerazione molto dura, che in genere gli ex premier non fanno, ma è un monito ai rissosi e confusi protagonisti della polemica politica per stare al livello dei problemi ed affrontarli.
Un monito e un avvertimento: si può perdere velocità in curva, schiantarsi, ed essere costretti ad andare ad elezioni che non si vogliono.
Rispetto a Prodi, io penso che le elezioni possano essere la via necessaria per chiarire i rapporti di forza e riconsegnare al paese e al popolo la possibilità di scelta.
Si veda quello che sta succedendo in Israele, una situazione molto simile alla nostra. E andranno a votare nel marzo 2022.

https://www.corriere.it/politica/20_dicembre_23/romano-prodi-conte-deve-fare-fretta-renzi-stia-attento-curve-discese-5e5d8518-448e-11eb-850e-8c688b971ab0.shtml 

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico