header

Magda Negri

header

Alle h 14 del 12 Gennaio penso che dovrei telefonare a quel mio amico e dirigente del PD che circa un mese fa sosteneva, in contraddittorio con me, che non ci sarebbe stata nessuna crisi di governo, che era tutta una tempesta in un bicchiere d'acqua.
Guardiamo ai contenuti.. mi diceva.... abbiamo riforme enormi da affrontare... non c' è alternativa a questo governo... solo lavorare meglio.
Ah.. la serietà severa dei riformisti di razza... che pensano al bene comune... alla mediazione possibile, alla selezione gerarchica degli obiettivi che disdegnano la manovra politicante, che credono nei governi investiti.. pur in forme non dirette dal popolo.
Oggi mi sento La Malfa... che pensava di aver capito prima e spesso diceva "L' avevo detto io..".
Nel mio piccolo avevo capito che l' adeguamento e l'aggiornamento programmatico non era il focus vero dell'iniziativa renziana.
Renzi ha proficuamente per tutti noi ottenuto molto.
Manca il Mes, ragionevole proposta che non ha le maggioranza nè fra gli alleati nè nel parlamento.
Si fa una crisi di governo per il Mes?
Forse si..
Capiranno gli italiani una crisi su queste basi?
Ci sarà un governo in grado di durare?
Credo di no..
Ah... se poi mi prendo lo sfizio di telefonare a quel mio amico gli ricorderò una recente intervista acidissima del solito Renzi... dove affermava che la politica era morta... tutto ridotto a manovra tattica.. finzione, gioco parlamentare.
E su quel terreno aveva deciso di misurarsi.
Per fortuna che, prima o poi, si vota.
Non sempre vincono i migliori..ma così vanno le cose del mondo..
 

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico