header

Magda Negri

header

Le cose sembrano volgere al meglio per il governo: il gran colpo di teatro, la triangolazione perfetta, Palazzo Chigi, Grillo, associazioni ambientaliste han strappato a Draghi la promessa del super ministero per l'ambientalismo e lo sviluppo (soffia il vento d'Europa) e la consultazione su Rousseau sarà una specie di referendum confermativo.
Più passa il tempo più emergono le caratteristiche particolarissime di questo Governo del Presidente, che è cosa tutta diversa da un pur vastissimo governo di coalizione che nasca dalle autonome trattative dei partiti.
Il Pd fa bene, in questi giorni e ore, a specificare la diversa natura delle due forme di governo.
Qualcosa di questa discussione è emerso anche nell'ultima nostra direzione regionale.
Ma pesa ancora l'amarezza per un governo "sgambettato" e l'esigenza di capire bene come sono andate le cose, al di là delle ricostruzioni giornalistiche.
In queste ore mi succede di pensare alla diversa sorte del governo spagnolo, che aveva punti di somiglianza con il "Conte bis": Psoe, Podemos, più una piccola forza di destra come Vox e partiti autonomisti.
Apparentemente una composizione ancora più problematica della nostra, che però ha retto e regge per la forza egemonica e per l'abilità tattica di Psoe e di Sanchez.
Giuro che non l'ho fatto apposta.. però ieri sera sfogliavo il numero 12 della rivista "Mondo Operaio" e leggevo l'articolo di Guglielmo Epifani sul progetto riformista della ricostruzione dell'area del centro sinistra.
Mi è caduto l'occhio su questa frase: ..."Quel meccanismo tutto nostrano del ricorso ai tecnici, che ha segnato la storia degli ultimi 20 anni: un segno insieme del limite della responsabilità politica e dell' impotenza a governare. In un sistema politico che funziona in rapporto tra funzione tecnica e funzione politica, non vive di delega o contrapposizione, ma di cooperazione e integrazione.
L'idea che un paese, di fronte alle difficoltà, debba ricorrere a un salvatore terzo, è il segno di una diserzione morale della rappresentanza politica, che si dimostra non solo incapace di governare, ma soprattutto non degna di poterlo fare e impotente".
Così, mi è cascato l'occhio!
 
 

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico