header

Magda Negri

header

di Gaspare Enrico

Sono uno dei tanti fondatori del PD e tutt'ora sono iscritto e anche segretario di un piccolo circolo.
Sento tanto malcontento in parte per le caratteristiche del Governo appena nato e in parte soprattutto per le posizioni deboli e non incisive cha abbiamo assunto nella fase finale del Governo Conte 2 e durante la crisi.
A chi, persona di sinistra da sempre, dice e scrive: "cerco una nuova casa" sono indotto a dire: "di questi tempi tutte le case sono lesionate - tanto o poco- anche quelle più nuove; anzi tutte un giorno sembrano sfavillanti e dopo pochi mesi sembrano già vecchie". La ricerca salvifica di nuova case sappiamo che produce case dello 0,..%
MA
- mentre dico a me e a tutti quelli che oggi vivono nella nostra casa che dobbiamo insieme capire cosa cambiare perché la nostra casa sia davvero robusta e sfidi il nuovo, il futuro
- dico a voi, dirigenti nazionali, che siete voi a dover capire che c'è tanto da cambiare e che il cambiamento passa attraverso un coinvolgimento vero di chi vive nella casa.
Draghi è tante cose ma nell'immaginario collettivo è il tecnico che garantisce di fare le cose che dice e le cose che dice parlano di coesione, di transizione ambientale, di innovazione, di produttività nella PA, di investimenti nella scuola, di campagna di vaccinazione rapida.
Noi in questi mesi abbiamo detto "Conte" e poi abbiamo indicato 3 Ministri scelti con il bilancino delle correnti.
Tutto lì? Troppo poco. Ma il troppo poco è dovuto al fatto che negli ultimi anni noi non abbiamo pensato, studiato, avanzato proposte, non ci siamo caratterizzati su quei punti citati prima.
Il nostro sguardo è rivolto alla politica politicante, dentro e fuori al partito. NON VA BENE. CHIEDO DI APRIRE UNA GRANDE DISCUSSIONE.
Una discussione che non deve essere un congresso perché diventerebbe di nuovo una sfida tra le correnti.
Dobbiamo pensare, elaborare, proporre un futuro fatto di
- scuola che dovrà cambiare rispetto al passato,
- di corsi di studio universitari che dovranno cambiare,
- di transizione ambientale che cambierà il nostro modo di spostarci e le case in cui viviamo
- di sostengo ai tanti che vivranno di lavori a termine con buchi di inattività
- di salute che non dovrà essere solo quella sanitaria e ospedaliera
Perché mentre un Governo Conte faceva le cose che ha fatto noi come partito, di questo avremmo dovuto far discutere tutti quelli che lo volevano, specialisti e utenti.
Mentre Draghi governerà noi su questi temi dovremo elaborare le proposte del PD.
Il partito vive guardando la società, capendo cosa cambia ed elaborando proposte. Non siamo il Governo, siamo un partito delle sinistra italiana, europea.
FACCIAMO QUESTO PERCHE' NESSUNO ABBIA VOGLIA DI CAMBIARE CASA...... se siamo in tempo.

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico