header

Magda Negri

header

Il dopo Zingaretti è già incominciato... tutto sommato senza drammi.
Dire senza drammi non so se è un bene.. se disegna un clima cinico..
Preferisco pensare che il grosso del partito ritiene che bisogna correre per sconfiggere la pandemia.. che il Recovery con Draghi è in buone mani, che comunque si è obbligati a fare politica nuova.
Con i compagni con cui ho parlato.. molto di base .. ho colto questo spirito.
In dimensione più colta e aspirante strategica è la posizione de Il Foglio, che ha esaltato fino all'ultimo il governo Conte.. poi - viste le crescenti difficoltà - ha apprezzato gli equilibri del governo Draghi.
Tutto va bene, pur di tagliare le unghie alle tigri populiste dei 5 Stelle e della Lega.
Tutti rifatti e ripuliti.. ora si apre la tranquilla ristrutturazione del quadro politico...
Molti, da IlFoglio a Il Riformista.. ai grandi giornali nazionali, auspicano il quasi superamento del PD in un partito cartello che unifichi tutte le culture della sinistra.. da Bonino, Calenda a Bersani.
Eravamo così, almeno nella composizione delle liste in parlamento nel 2006.. chissà.
Un futuro con i caratteri del passato.
 

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico