header

Magda Negri

header

Parlerò di chi ha lasciato il Pd brevemente.. questa volta sola e poi mai più su Fb.
Troppo distorcente e banalizzante.
Parlo in forza delle mie convinzioni ed esperienze.
Da quando è nato, molti dal Pd se ne son andati e molti nuovi sono venuti.
Usciti dirigenti come Rutelli, D'Alema, Bersani.. dimessosi da Segretario.
Veltroni.. dimessosi da Segretario e poi uscito con un congruo bottino parlamentare...
Renzi... per non parlare delle strambe dimissioni di Zingaretti..
Vicende a loro modo tragiche, non questioni burocratiche.
Tengo per me i giudizi morali.. cui tuttavia non rinuncio.
Ai vari livelli locali abbiamo assistito a travestitismi e traslochi per lo più dovuti a mancati incarichi..
Ora la vicenda torinese pone un semplice quesito: si può uscire dal Pd e non restare nel campo del centro sinistra, mettersi sotto le ali protettrici dei rappresentanti di Salvini e Meloni ed ergersi campioni del nuovo riformismo?
Semplicemente non si può.. perché il tutto domina sulla parte e la stritola.
Operazioni generalmente già tentate.
E finite senza gloria.
Poi..ci saranno processi di ricomposizione?
Credo di no e non lo desidero.
Noi del Pd dobbiamo correre.. perché, ad ogni livello, anche con tutti i nostri errori, siamo l unica alternativa al centro destra, di ogni fattezza e colore .
Tutto in politica ha un prezzo... specialmente gli errori.
Da ora in poi saremo leali avversari.
Ognuno decida dove mettere l'accento.. se su leali o su avversari.
 

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico