header

Magda Negri

header

Mai vista una simil guerra così, fatta di disvelamenti pilotati di piani militari segreti, dispiegamento minaccioso di una forza militare impressionante, annunci di escalation e de escalation a sussulti.
Sono contenta che sulla questione Russia/Ucraina abbia finalmente preso la parola anche Draghi, alla fine del Consiglio europeo.
L'abbiamo visto molto preoccupato, una preoccupazione per i diversi sviluppi, tutti possibili.
La diplomazia si concentra ormai sull' applicazione degli accordi di Minsk del 2014 e la non estensione della Nato all'Ucraina.
Su questo punto Scholtz è stato esplicito, Draghi meno.
La guerra virtuale sarà accompagnata da sanzioni concrete.
Per ora ci arrabbiamo per le bollette, ma gli scenari potrebbero peggiorare.
E pensare che da qualche giorno ero convinta che il ritiro dei carri armati era cominciato e che la diplomazia e gli interessi economici concreti avevano avuto la meglio....
 
 
 

Cerca nel sito


Podcast

Appuntamenti

Salvare l'Europa: come uscire dal debito e dalla stagnazione

Venerdì 26 febbraio 2016
Sala Viglione, Palazzo Lascaris
Via Alfieri 15
Torino

Presiede: Magda Negri

Intervengono: Davide Gariglio, Mercedes Bresso, Alberto Majocchi, Enrico Morando

Leggi tutto...

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico