header

Magda Negri

header

Finalmente in medias res.
Finalmente la campagna elettorale di tutti i partiti fa i conti con il Recovery Plan e Neu, il più grande piano e sforzo programmatorio quinquennale dell' Europa e ingentemente per l'Italia.
Mai successo dal dopo guerra e incentrato su interventi ambientali, infrastrutturali, sulle reti telematiche, su sanità e formazione professionale... Alla base della stessa agenda Draghi.
C'è voluta la minaccia di Meloni di ricontrattarlo e la dura risposta di Gentiloni per far suonare il campanello, al di là delle pagine scritte dei programmi elettorali, ampiamente.. sovrapponibili.
Siamo seduti su una montagna di risorse finora finanziate con debito pubblico Europeo.
Torino ad esempio ha già avuto importanti anticipazioni, in cambio di progetti definiti.
E l'Italia?
Fossi Letta snocciolerei le tappe di questa straordinaria programmazione ogni sera.
Altro che le pillole serali di Berlusconi e i suoi boschi circolari intorno alle città. .
Il PD si faccia garante con i sui eletti e i suoi amministratori dell' attuazione del piano di rinascita europeo... dopo la crisi, la pandemia, e il rischio autunnale del gas.
Fatti, risorse pronte, pianificazione rigorosa, controlli di legalità.
È questa la grande prova, anche per le elezioni.
 
 
 

Cerca nel sito


Podcast

Appuntamenti

Salvare l'Europa: come uscire dal debito e dalla stagnazione

Venerdì 26 febbraio 2016
Sala Viglione, Palazzo Lascaris
Via Alfieri 15
Torino

Presiede: Magda Negri

Intervengono: Davide Gariglio, Mercedes Bresso, Alberto Majocchi, Enrico Morando

Leggi tutto...

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico