header

Magda Negri

header

Visto la lettera che mi ha inviato Letta.
Non concordo e non mi piace.
Tempi troppo lunghi.. discussione disordinata e farraginosa.
Mi piace un PD che allarga le braccia e invita tutti a partecipare e decidere fin dalla prima fase del congresso.
Non mi piace perché ho una certa età e di congressi ne ho fatto molti, questo menare il can per l'aia senza atterrare su proposte politico programmatiche nitide ed attuali.....
Ah.. caro segretario.. il nome Pd per me va benissimo.
Siamo europei, siamo un partito, non un aggregazione movimentista intorno a leader più o meno duraturi.
E poi, caro Letta, fai una telefonata a Filippo Andreatta, che conosci bene, e digli che ci aiuti a capire che cosa sollecita nella sua intervista oggi su Il Corriere della Sera?
Dobbiamo scinderci in 2 partiti, da una parte gli ex Ds, dall'altra gli ex Margherita?
Oppure consentire, favorire un suicidio assistito, noi di "sangue politico impuro"?
Filippo, stai tranquillo.
Al tuo proposito sta provvedendo l'anagrafe e la natura.
E perché, per stare nella mia piccola realtà, io dovrei lasciare Monica, Gianfranco, Giancarlo .... tanti amici della Margherita con cui nel bene e nel male abbiam fatto il Pd?
Suvvia ragazzi, parliamo di cose serie, cioè di politica e decidiamo.
qualcosa.
 
 
  
 

Cerca nel sito


Podcast

Appuntamenti

Salvare l'Europa: come uscire dal debito e dalla stagnazione

Venerdì 26 febbraio 2016
Sala Viglione, Palazzo Lascaris
Via Alfieri 15
Torino

Presiede: Magda Negri

Intervengono: Davide Gariglio, Mercedes Bresso, Alberto Majocchi, Enrico Morando

Leggi tutto...

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico