header

Magda Negri

header

Ha ragione Giuliano Ferrara sul Foglio (scarica l'articolo del 29 ottobre)  (ma guardatevi dalle sue sirene interessate e dal suo cinico divertissement) quando parla del PD e su Veltroni. Prendo il nocciolo di questa argomentazione e lascio cadere la cifra provocatoria di “americano”.
Ma certo del  trascinante discorso inaugurale di Veltroni  a Milano il tratto più nuovo, la più netta soluzione di continuità ha riguardato la forma partito, mai argomentata prima con tanta nettezza. Prima del 14 ottobre Veltroni aveva perfettamente definito la piattaforma politica in cui aveva chiesto l’investitura, ma la forma partito era rimasta in ombra. Anche gli altri candidati avevano cooperato a questa sospetta omissione. Ora si incomincia  a proporre  e la discussione subito si incendia. Intendo dedicare sul blog una riflessione continuativa, raccogliere opinioni e seguire la discussione cui sarà data – credo- una adeguata trasparenza politica. Non penso- a differenza dei più-  che si potevano comporre in modo molto diverso le tre commissioni, pletoriche  e un po’ confuse, ma che faranno un buon lavoro  se sarà in “presa diretta”  con i Costituenti. Rapide consultazioni anche telematiche, selezione gerarchica dei temi, “scremature”, fino a uno Statuto, un Manifesto, un codice etico, che arrivi già in gran parte “codeterminato” al voto dell’Assemblea Costituente a Febbraio.

Magda Negri

Cerca nel sito


Podcast

Appuntamenti

Salvare l'Europa: come uscire dal debito e dalla stagnazione

Venerdì 26 febbraio 2016
Sala Viglione, Palazzo Lascaris
Via Alfieri 15
Torino

Presiede: Magda Negri

Intervengono: Davide Gariglio, Mercedes Bresso, Alberto Majocchi, Enrico Morando

Leggi tutto...

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico