header

Magda Negri

header

Sembrano tutti unanimi. Si veda in particolare l'interessante commento di Stefano Folli sul Sole 24 Ore.
L'Ulivo-Pd a Caserta ha mosso passi mal fermi e si è quasi fermato subito con qualche antipatica disputa su chi fosse titolare dall' hard core del programma delle future liberalizzazioni. Nei 10 punti dell'agenda di Caserta ciascuno può trovare qualcosa di suo, ma è difficile trovare un quid che rappresenti peculiarmente le proposte programmatiche dei futuri protagonisti del Pd. E pensare che Rutelli aveva steso pochi mesi fa una sorta di manifesto della modernizzazione. E che Fassino aveva addirittura riunito i ministri DS per diporli in prima fila nella battaglia riformista, senza cadere nel gioco a somma zero del chi ha prevalso su chi e nel meccanismo mediatico che tende a sopravvalutare il risultato della sinistra radicale sull'area riformatrice. Resta ancora un antico problema: dal'96 al'98 Prodi pensò che solo dal Governo avrebbe creato l'Ulivo. Trascurando, di fatto, il coordinamento dei circoli, la creazione dei gruppi unitari, insomma l'intero processo politico. Si era allora in sistema elettorale di collegi uninominali maggioritari. Ma può la costruzione del Pd prescindere da un esplicito ruolo di Prodi, può il Presidente del Consiglio risolvere la sua funzione solo nel ruolo di governo-collante di una coalizione eterogenea?. Le risposte a queste domande aprono scenari e configurano tempi davvero diversi per il Pd....

Cerca nel sito


Podcast

Appuntamenti

Salvare l'Europa: come uscire dal debito e dalla stagnazione

Venerdì 26 febbraio 2016
Sala Viglione, Palazzo Lascaris
Via Alfieri 15
Torino

Presiede: Magda Negri

Intervengono: Davide Gariglio, Mercedes Bresso, Alberto Majocchi, Enrico Morando

Leggi tutto...

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico