header

Magda Negri

header

Torino. Una ventina di persone, una discussione appassionata, ma un clima disteso: compagni dei Ds, quasi tutti per la mozione Fassino, ma anche uno per la mozione Angius, e qualcuno propenso ad astenersi, insomma i liberal, anche qualcuno della Margherita. Ci siamo riuniti ieri sera nella sede torinese di LibertàEguale per ragionare in parallelo sul Congresso dei Ds, della Margherita e sul Pd. Forte il bisogno di capire, ma, soprattutto, netta l’esigenza di chiarezza in questa fase: nel definire tempi e modi di un dibattito reale, che porti a individuare, per la Federazione di Torino, una candidatura espressione di un programma locale. "Basta - è la critica dei presenti all'incontro- con i giochetti tattici tutti finalizzati al riposizionamento del ceto politico, al livello territoriale, come a quello nazionale. Serve un minimo di trasparenza". La discussione resta aperta. E si attende l’esito dei lavori della Direzione nazionale........ 

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico