header

Magda Negri

header

Dispiace che il tentativo di Parisi di comporre in modo trasparente la lista per la direzione nazionale   del Pd sia stato condotto in modo piuttosto maldestro e non abbia sortito alcun risultato. E’ andata come è andata, ma certo nel più stanco e contraddittorio dei modi. Franceschini ha giustamente fatto appello al criterio statutario di proporzionalità (ritengo fra il numero dei delegati ottenuto dai candidati a segretario del 14 ottobre). Ma molto è cambiato nella geografia politica interna delle liste apparentate ai segretari di allora. Sono nella lunga lista dei nomi fassiniani, veltroniani, dalemiani, bindiani di rito bindiano e di altro rito.

E come distinguere i Lettiani? Aspettando per il Pd le minime regole democratiche, che l’attuale struttura confederale e pattizia  sembra non consentire, pena l’implosione, non era meglio forse rispolverare la liturgia dei partiti storici di illustrare i cosiddetti criteri?

Nessuno si sarebbe scandalizzato ad assumere fra i criteri anche l’esplosione manifesta delle correnti e delle sottocorrenti. Un consiglio per gli attuali e futuri capi corrente e subcorrente relative: non vergognatevi di esserlo.

P.s. Ancora in tema di turbolenze interne al Pd vi segnalo l'intervista ad Enrico Morando sull'Unità di martedì, in cui si sostiene che nel Pd stiano emergendo due linee differenti, e questa interessante intervista ad Antonello Soro sul ruolo del nostro Gruppo Parlamentare. Infine, una lucida analisi di Stefano Ceccanti su come il modello elettorale tedesco (riproproposto a gran voce dall'associazione ReD) sfavorirebbe inevitabilmente il Pd .

Cerca nel sito


Podcast

Appuntamenti

Salvare l'Europa: come uscire dal debito e dalla stagnazione

Venerdì 26 febbraio 2016
Sala Viglione, Palazzo Lascaris
Via Alfieri 15
Torino

Presiede: Magda Negri

Intervengono: Davide Gariglio, Mercedes Bresso, Alberto Majocchi, Enrico Morando

Leggi tutto...

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico