header

Magda Negri

header

Le cose che riguardano  i militari sono sempre un po’ particolari e segrete, ma allo stato dei fatti possiamo individuare nella strategia del Governo che può portare in una direzione  un po’ pericolosa.  E’ l’egemonia che il ministro La Russa (ministro della Difesa e non degli Interni), che vuole tornare a esercitare in prima persona, scavalcando Maroni. 


L’Arma dei Carabinieri (si veda la gestione mediatica dello stupro di Guidonia) si sposa con la  proposta, che è anche di Berlusconi, di usare strutturalmente  e non solo congiunturalmente  30mila soldati in missione di prevenzione e ordine pubblico sul territorio nazionale. A questo punto la scena si fa affollata: Polizia, Polizia municipale, Esercito. E avanza  sulla scena anche un caporegista: La Russa, che dovrebbe essenzialmente coordinare altri e diversi attori. C’è quindi uno sconfinamento di An per via di La Russa nel sistema dell’ordine pubblico, che dilata la dimensione propriamente militare sul  terreno civile. Inoltre, c’è in corso una riflessione sull’evoluzione del modello di Difesa e sulla capacità numerica  e strategica dell’Esercito professionale aperta a diversi esiti. O ridurre e specializzare l’Esercito, o tenerlo nei numeri attuali, come vuole Berlusconi: non lasciarlo nelle caserme  e nelle missioni internazionali, ma impiegarlo nel sistema dell’Ordine pubblico. Ciò avrebbe profili non soltanto di funzionalità, ma di Costituzionalità.

Propongo di non sottovalutare  questo scenario. In Commissione Di9fesa ho rivolto una specifica domanda al Sottosegretario Criosetto, non strumentale, davvero informativa. Gli ho chiesto, cioè se la riunione che sarebbe avvenuta il 29 gennaio del Consiglio superiore di Difesa  si sarebbe anche occupata  di tali questioni. E Corsetto, forse poco informato, mi ha risposto che il Consiglio di Difesa segue un proprio calendario e che la questione dell’Esercito  e del suo utilizzo sono di stratta pertinenza del Governo, che avrebbe operato con decreti delegati fra poco. 

Voglio però sottolineare che compete certo al Governo proporre la prossima revisione del modello di Difesa, ma per quanto mi riguarda su questa materia la delega deve essere precisissima e passare dal voto delle aule parlamentari. Apprendo il 30 gennaio che il Consiglio superiore di Difesa ha per l’intanto saggiamente congelato i propositi del Premier e di La Russa. La questione era pertinente, ma il Sottosegretario alla Difesa  non lo sapeva.

Cerca nel sito


Podcast

Appuntamenti

Salvare l'Europa: come uscire dal debito e dalla stagnazione

Venerdì 26 febbraio 2016
Sala Viglione, Palazzo Lascaris
Via Alfieri 15
Torino

Presiede: Magda Negri

Intervengono: Davide Gariglio, Mercedes Bresso, Alberto Majocchi, Enrico Morando

Leggi tutto...

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico