header

Magda Negri

header

Prospettive dopo una sconfitta

Pubblico i dati di Swg sulle elezioni regionali in Umbria, e dovremmo aspettare i dati del Cattaneo.
In questi anni siamo annegati nelle analisi dei flussi elettorali ecc..
Sembrerebbe, in questo caso, che circa il 30% degli elettori dei 5S si sono astenuti, e una parte significativa ha votato lega.
Non dovremmo stupirci.
L'operazione in Umbria è stata faticosa e improvvisata, ma comunque, al di là delle caratteristiche più folkloristiche e anticostituzionali, l'elettorato 5S è elettorato "di scopo", su singole issue, ed è elettorato trasversale, per sua natura.
Avremo tempo per discutere dell'evoluzione dei 5S, che io prevedo in disgregazione, anche se una parte può aggregarsi strutturalmente al Pd.
Ma non dovremo pensare di sommare i numeri nella loro totalità.
Adesso resta una sola strada, che è cercare di fare il meglio possibile, come governo, ma senza trascinarlo al di là se ne misureremo l'impotenza.
Considerando che nel vivo delle campagne elettorali ben preparate gli equilibri politici possono cambiare.
Non siamo ciechi, e sappiamo e vediamo che c'è un'onda lunga della destra radicale europea che tende ad affermarsi sulla destra liberale e di governo.
Il voto in Turingia insegna, anche se lì c'è la particolarissima situazione della A.F.D. dove cresce la leadership di un vero e proprio neo nazista.
Non siamo a questo punto, e non lo saremo mai.
Ma, sarà tra un anno, tra due o tra tre, che il Pd e quello che avremo costruito intorno dovrà sfidare la forza della lega e dei suoi alleati di destra.
Mettiamoci nelle condizioni di non essere la cavalleria polacca contro i panzer nazisti.
 
 
 
 

Aspettando il voto in Umbria

Aspettando il voto umbro, si succedono riflessioni e interviste di dirigenti nazionali del Pd che si possono così ordinare, sommariamente.

Franceschini e Bettini per un organica e necessitata alleanza strategica di lungo periodo con i 5Stelle, in una prospettiva maggioritaria di costruzione di un nuovo centro sinistra.
Allo stesso si può dire di Cuperlo, ma mi sembra che in lui la scelta anti proporzionale non sia così netta.
Morando argomenta oggi con chiarezza che la cultura liberal socialista é essenziale per farne il pilastro di un nuovo centrosinistra, che comprenda anche i 5s.
Ma la proposta politica deve affinarsi molto.
Per ora non tutto funziona.
Orfini e i suoi mi sembrano nettamente ostili a un rapporto strutturato con i 5S.
Penso che voglia una legge proporzionale... ma sarà lui a specificare..
Nardella vuole togliere il logo al partito e tutto sommato sembra rimpiangere e soffrire l' uscita di Renzi.
Da molti dirigenti regionali come Gori e Bonaccini pensano a un riformismo dal basso... con nuovi protagonisti.
Calenda non concepisce il rapporto, anche tattico, tra riformisti e populisti e se ne è andato carico di sdegno.
Renzi fa da sé e dice che al prossimo voto nazionale sarà contro i 5S.
Dal mio sommario e confuso riassunto emerge che Zingaretti ha fatto bene a d annunciare un prossimo congresso.
Urge chiarezza di analisi e conseguente assunzione di responsabilità.
 

Italiani "ForEverYoungs"!

Ho passato la giornata di ieri a comparare progetti e costi di montascale fissi e mobili per mia mamma.
Abbiamo l' ascensore... ma essendo stato aggiunto ad uno stabile vecchio, l'arrivo al piano risulta sfalsato.
Anche 10 gradini possono essere una barriera architettonica che costringe un anziano malato a vivere la casa come un carcere.
Chiacchierando con i rappresentanti scopro che in Italia solo ora va sviluppandosi il mercato dei montascale interni o esterni.
Abbiamo pochissima produzione nazionale, ma una vasta rete di commercializzazione
Al contrario in Germania e in Inghilterra, ma specialmente in Inghilterra, il mercato è quasi saturo.
Arrivati a una certa età le famiglie provvedono, anche se non hanno casi di disabilità.
Sembra che non ci siano particolari incentivazioni statali.
Solo scelte delle famiglie.
Tedeschi e Inglesi sono particolarmente previdenti.
Al contrario di noi italiani, che ci pensiamo "for ever youngs"!
 

La democrazia italiana è malata

Dormo pochissimo perché di notte faccio la badante, volentieri, a mia mamma, che mal sopporta gli estranei. Svantaggi della veglia notturna è che esplode la fame e si ricorre troppo al frigo.
Vantaggi... RaiNews24 mi sommerge di notizie di giornata.
Zingaretti ha chiesto lealtà agli alleati.
Condizione minima per corrispondere alle necessità del paese e alle speranze dei cittadini.
In risposta mi sembra che non diminuiscono le tensioni fra Di Mano e Conte, e Renzi alza il livello della sfida.
Le sfide politiche sono utili e benvenute.. il saccheggio dei parlamentari e dei sindaci eletti con i voti degli altri è miserabile trasformismo.
La democrazia italiana è malata.
Nelle legislature precedenti abbiamo assistito a centinaia di cambi di casacca.
Mi faccio eleggere da un partito.. poi scappo da un altro.
Questa volta assistiamo a un inedito assoluto.
Un dirigente politico, che è stato segretario del Pd, diventa organizzatore del saccheggio di parlamentari eletti dal voto di cittadini che avevano scelto altri partiti..
Lo annuncia trionfalmente.
Se ne fa vanto..quasi lo minaccia.
Il trasformismo diventa il dominus sconcio di questa politica malata.
 

Prendere o lasciare

Direi che il "Salvo intese" è diventata la cifra della politica italiana.
Salvini è stato acclamato sugli scudi il capo unificante della destra italiana?
Forse....
Non basteranno le manifestazioni di piazza.
Renzi e Di Maio troveranno sintesi pragmatiche per sostenere il governo da loro intensamente voluto?
Forse..
Il PD può continuare a cantare e a portare la croce?
Dipende..
Discutendo ieri con un mio giovane amico, professore universitario appassionato di politica, che ha creduto e sperato - certo più di me - nelle possibilità del "Conte 2", mi sono sentita dire: " ma allora é come prima..anche questi sono incapaci di un minimo di autodisciplina..".
Era molto deluso...
Per questo, nella sua semplicità, mi è sembrato maledettamente efficace ieri sera Zingaretti.
Ci proviamo..vediamo le contraddizioni ..abbiamo abbassato gli interessi sul debito.. evitato 23 miliardi di tasse sui consumi e ci impegniamo ad abbassare le tasse sulle buste paga.
Queste sono le possibilità reali.
Chi rompe paga.
Gli italiani non sono coglioni.
Prendere o lasciare.. aggiungo io.
 

Orgogliosissima di essere donna!

Osservazioni da badante notturna della sala ovale - pienissima - del pronto soccorso del Mauriziano.
La medicina è sempre più donna.
I medici qui sono molto giovani,mi viene il dubbio che siano specializzando, e le dottoresse sono allegre, serene..
Vantaggio della gioventù.
Allietano un ambiente duro.
Per le infermiere professionali l'età è un pò superiore.
Hanno grande autorevolezza e governano l' insieme.
In questo momento sono circondata da pazienti maschi, molto anziani, che si rivolgono a loro per incombenze molto intime, come se fossero donne della loro famiglia.
Anche le Oss sono in maggioranza donne, e vedo da loro solo gesti di pazienza e disponibilità.
A" fare la notte" come me, al letto dei malati vedo solo mogli... fidanzate e figlie.
Qualche marito o giovani nipoti maschi passano nel pomeriggio...si spaventano un pò e si dileguano...
Orgogliosissima di essere donna.
Sappiamo fare cose importanti con una forza innata e senza rompere troppo.
 

Il pronto soccorso del Mauriziano è un gioiello!

Al pronto soccorso del Mauriziano... aspettando le sacche di trasfusioni per mia mamma.
Organizzazione perfetta... personale giovane ed eccezionalmente gentile... spazi generosi... chiamate rapide.
Sono stata amministratrice del Mauriziano in anni difficili.
Passata la crisi dell' Ente, la Regione ha lavorato benissimo.
C' è voluto molto tempo..
Ma dopo tanti anni questo pronto soccorso è un gioiello!

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico