header

Magda Negri

header

Che Linda es Cuba

Più o meno mi aspettavo le misure restrittive previste dal decreto di ieri sera.
Conte mi è sembrato stanco... un po' confuso, ma tutto sommato credibile.
Ovunque nel mondo procediamo per prova ed errore.
Non cede la pandemia negli Usa... meno male non attecchisce nel continente africano... in Europa accadono cose clamorose come l'atto d accusa del re di Svezia contro il governo, reo di non aver saputo difendere il proprio popolo.
Accusa prontamente rimandata dal governo all'epidemiologo di stato, autorità massima sulla materia..
Ogni paese ha i suoi guai, i suoi scaricabarile... le sue contraddizioni.
Anche la grande Merkel ha dovuto arretrare, quando è stata accusata dai governatori del Lander di aver tentato di sottrarre poteri costituzionalmente protetti in uno stato davvero federale.
Una sola cosa non mi è chiara...
Nei giorni rosso fuoco, cosa vuol dire che si può uscire una sola volta al giorno?
Ma neanche a Marzo era così..
Certamente non voglio imitare Salvini... ma mi piacerebbe fare il giro dell isolato ... andare in edicola almeno 2 volte al giorno... badante permettendo Io mi pago care le ore aria... ma a casa sepolti 5 gg mi sembra troppo.
Forse riguarda le visite a parenti.
Ma va ben specificato.
Intanto la badante cubana di mia mamma è infinitamente dispiaciuta di non poter stare con figli e amici..ma ubbidirà.
Anzi è molto scandalizzata dalle critiche che investono il governo.
"Non vanno bene le cose da voi... anzi molto male.
"Io la metto in positivo".
Ma lei insiste "Non rispettate Conte.. non avete rispetto per il vostro governo. Non si può fare così."
"Che Linda es Cuba..."
 

Agenti della polizia politica lo si è per sempre

Putin ha detto proprio così... in merito all'accusa di aver tentato di avvelenare il dissidente Navalnjy.."Se fosse toccato a noi, se fossimo responsabili dell'avvelenamento... avremmo portato a termine il lavoro.".
Rivendica la liceità dell'assassinio politico.
Che dire?
Nemmeno l'ultimo dittatore di uno stato canaglia..
Ma pochissimi commenti... pochissime reazioni nella stessa conferenza stampa.
E noi... cittadini delle democrazie dell'Occidente assediate da sovranismo e "democrature" ad assistere sgomenti alla sprezzante esibizione di forza assoluta del pluri presidente della terza potenza mondiale, del capo della riscossa panrussa... adorato dalla destra salviniana... in ultima analisi del colonnello del KGB.
Semel Abbas ..s. empre Abbas..
Agenti della polizia politica lo si è per sempre.
 

"Il tempo"

Visto che parliamo di compleanni e di tempo che scorre .. vi segnalo questo libro formidabile.

Sud contro Nord come interlocutori dell Europa

Mi colpisce molto la notizia che il presidente della Campania Vincenzo De Luca ha deciso di convocare tutti i presidenti delle Regioni del Sud per programmare iniziative sul Recovery Fund, temendo una penalizzazione del meridione e scavalcando credo del tutto Bonaccini.. il Presidente della Conferenza Stato - Regioni.
Non faccio osservazioni moralistiche.
Ma, come per la Task Force troppo vaga e pesante del Governo, è evidente che siamo in una fase di crisi istituzionale del Paese, di fronte a 2 immani problemi politici come pandemia e aiuti europei per la rinascita.
Crisi non significa solo tracollo... ma ridefinizione..cambiamento.
Contano molto le leggi elettorali, Governi deboli nati da coalizioni camaleonte contro la forza della investitura diretta dei presidenti regionali, ad esempio.
Ma ora, dal profondo della nostra storia secolare, sembra emergere un' antica separazione.
Sud contro Nord come interlocutori dell Europa.
Lo stato delle macroregioni... anzi 2 stati potenziali..
In fondo avevamo parlato tanto di Europa delle regioni, che storicamente hanno ispirato negli anni i vari stanziamenti e piani europei.
Ora c' è una nuova variabile in campo e un condottiero che prepara nuovi eserciti.
 
 

Ciao Bruno

Non di Covid, ma poche ore fa se ne è andato anche Bruno Pittatore.
Stranamente proprio oggi lo stavo pensando.
Stranamente verso le h13, quando uscivo dal Comune dove ero andata a salutare Fiorenzo Alfieri.
E' una catena di addii che si porta via una parte delle nostre esperienze... della nostra vita.
Ricorderò sempre i suoi occhi chiari e il suo sorriso da ragazzo.
 

Bambole a festa!

Quest'anno le bambole del Natale hanno preteso di uscire dagli armadi e partecipare alla festa...!

Grazie per gli auguri!

Grazie per gli auguri di compleanno che mi stanno arrivando!
Li considero un vero regalo.
71 anni sono un età impegnativa... molto forte o molto debole... dipende dai punti di vista.
Per quanto mi riguarda, nonostante i gravi problemi familiari e la cupezza dei tempi, mi sento molto serena e soddisfatta.
Mi vergognerei a dire, per rispetto a tanti altri, quasi felice.
Sono sempre stata così.. guardo oltre..mi getto i problemi non risolvibili alle spalle... cerco di attraversare le stagioni della vita con coraggio e leggerezza.
Mia figlia, che è molto più seria e "grave" di me, dice che resto una baby boomer ... che cammina sopra i problemi... astratta idealista... non pratica.
Forse ha ragione... ma va bene così.
Restare fedele a se stessi.
Gli anni non contano.
Domani è un altro giorno.
 

Cerca nel sito


Podcast

Appuntamenti

Salvare l'Europa: come uscire dal debito e dalla stagnazione

Venerdì 26 febbraio 2016
Sala Viglione, Palazzo Lascaris
Via Alfieri 15
Torino

Presiede: Magda Negri

Intervengono: Davide Gariglio, Mercedes Bresso, Alberto Majocchi, Enrico Morando

Leggi tutto...

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico