header

Magda Negri

header

Pronti!

La nostra war room.. sabato mattina

E adesso, povero Renzi?

E adesso, povero Renzi?
Solo ieri mattina, nella intervista a La Stampa, garantiva: "Draghi accetterebbe un bis.", E la sera stessa l'interessato rispondeva via conferenza stampa.. "Non ci penso per niente".
Caso evidente di millantato credito o, ad esser buoni, di wishful thinking.
Caduto l' obiettivo elettorale, resta in piedi l'obiettivo massimo, non contingente: smembrare il Pd.. una parte confluisca con Conte, e in un neo progetto macroniano l'altra si unisca ad Azione e Iv.
E qui la patologia destruens del nostro rottamatore in servizio permanente effettivo sbatterà contro la natura stessa e la resilienza del Pd, che ha problemi di linea giganteschi, ma la forza di un soggetto politico necessario e indispensabile per la sinistra italiana e la democrazia italiana.
Questione di tempo.. tutto si chiarirà.

Va dove ti porta il cuore...

L'Europa condanna l'Ungheria come "minaccia sistemica" agli standard democratici dell'Unione e minaccia una pesante revoca di risorse economiche.. e non solo i gruppi parlamentari Europei di Lega e Fratelli d'Italia votano contro la risoluzione comune.. ma Giorgia Meloni prende ufficialmente le difese del gruppo conservatori e riformisti, di cui è peraltro presidente, con una certa passione verso il suo amico Orban.
Esplicitamente, a viso aperto.. una sfida.. nel cuore della campagna elettorale..
Va dove ti porta il cuore...

Panorama impagabile

Ieri pomeriggio tardi, sotto le campane del campanile del Duomo di Torino.
262 scalini facili facili, non viene lo sbanfone.
Bisogna invece stare attenti a scendere.
Poca luce, si può scivolare.
Panorama impagabile.
 

Adesso si sceglie

Prima la Svezia, Svezia first.. non so come si scrive in svedese.
Apprendiamo nella notte che per 3 deputati i socialdemocratici perdono il governo, che passa nelle mani degli iperconservatori della destra estrema alleati con i moderati, che esprimeranno il premier.
Dal dopoguerra ad oggi in Svezia, su 14 premier, 10 sono stati socialdemocratici.
Adesso un cambio brutale.
Da qualche mese il capogruppo dei popolari europei Weber corteggiava i partiti della destra estremista...
Tutto si tiene.
Sento crescere la nostra e la mia responsabilità per l'esito delle elezioni italiane.
Non è tempo di distinzioni perfezionistiche.
Adesso si sceglie, o di qua o di là.
Questo è il vento che tira in questa fase storica.
30Paola Gamba, Beniamino Maccarone e altri 28
 
Commenti: 7
Condivisioni: 6
 
Mi piace
 
 
 
Commenta
 
 
Condividi
 
 

Lepri per il Senato

Qualcuno saprà girare la foto.. io no.
Io collegio sarà inondato di materiale, di resoconti del lavoro fatto, di un fedele rendiconto, come è nello stile di questo candidato.
Non possiamo lasciare nulla di intentato.
 

Diamo una mano al Pd

Finalmente oggi in Corso Racconigi, al mercato, riusciamo ad organizzare un presidio che si rispetti.
Piovicchia, ma resistiamo.
Laura, io, Maria Grazia, il segretario del circolo 3, una signora del movimento dei volontari, il Vicepresidente del Consiglio regionale Valle e per un po' si materializza anche Paolino.
Clima decente, il lavoro sugli indecisi è possibile, per la prima volta vedo un ragazzo della destra, che gira tranquillamente per il mercato, con un braccialetto con scritto Fratelli d'Italia.
Questo collegio della Camera, che corrisponde ai quartier 3 4 5 6, può essere preso o perso per una manciata di voti.
Contendibile, si definisce.
Il nostro candidato è Stefano Lepri.
Diamogli tutti una mano, diamo una mano al Pd.

Cerca nel sito


Podcast

Appuntamenti

Salvare l'Europa: come uscire dal debito e dalla stagnazione

Venerdì 26 febbraio 2016
Sala Viglione, Palazzo Lascaris
Via Alfieri 15
Torino

Presiede: Magda Negri

Intervengono: Davide Gariglio, Mercedes Bresso, Alberto Majocchi, Enrico Morando

Leggi tutto...

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico