header

Magda Negri

header

Domenica alla ricerca degli scoiattoli

Parco di pianura, a Stupinigi, dove mi piace passeggiare qualche volta la domenica mattina.
Sostanzialmente ho l'obiettivo scoiattoli.
Mi sono anche fermata al vivaio prima della Reggia che vende anche cibo per animali.
Niente di specifico per gli scoiattoli e allora compro un misto per criceti e topi ballerini.
In fondo sempre roditori sono.
Sotto le querce non troviamo neanche uno scoiattolo.
Molto deluso anche un signore che si era munito di noccioline.
Per la bellezza della mattinata ci sono poche persone.
4 o 5 famiglie di rumeni che non rinunciano alla grigliata, 3 coppie di giovani che tengono bellissimi cani di razza a guinzaglio.
Disciplinatissimi .. non li liberano, non li lasciano correre...
Mi dicono che a 3 km, dopo una grande cascina, si vedono i caprioli.
La prossima volta.
 
 
Tornando, mi fermo al Parco di Vittorio, in piena città.
Lì ci sono scoiattoli a decine, semi domestici.
Non apprezzano granché il mio cibo domenicale, pensato per i loro cugini criceti.
Comunque missione compiuta.
Lo so che sono una specie americana, non autoctona, che si sta diffondendo anche sulle Alpi, ma come si fa ad ignorarli.
I bambini si divertono moltissimo, forse anche io non sono troppo cresciuta.
Comunque, per la fauna dei roditori, Parco di Vittorio batte Stupinigi 10 a 0.
 

Ora bisogna fare sul serio

Al Sabato mattina in genere vado a nuotare all' Acquatica.
Oggi no.
Mi seguirò con religiosa attenzione l'Assemblea Nazionale che apre concretamente la fase congressuale.
Dopo un po' di stasi post sconfitta, le cose si muovono.
Possono piacere o no ma, con il governo di centro destra insediato, l'alternativa e la futura alternanza si giocano tutte sul profilo e la funzione che il Pd assegnerà a se stesso.
Per intanto osservo un eccesso di astiosa ostilità da parte di Azione, in tutte le sue componenti, assolutamente parallelo a quello del partito di Conte ex 5S.
Non deve importarci più di tanto.
Talvolta sono confronti strategici, per lo più conflitti interburocratci di ceti politici in cerca di futuro.
Anche a Torino si accendono molti confronti tra le varie componenti del partito, esponenti del partito di Conte, vecchi e nuovi, o di Art. 1.
Se ne aggiungeranno altri, su altri versanti.
Io ho una linea di condotta, credo infallibile.
Si ascolta tutti, si decide in autonomia.
Non saranno Azione o i 5S, attuali co protagonisti dell'opposizione, a definirci o a condizionarci.
Il futuro del Pd è tutto in mano dei militanti, dei votanti, dei dirigenti di questo partito.
Per un po' si incassa, come mi ha detto ieri in termini pugilistici il mio segretario di circolo.
Poi si fa sul serio.
 

Queste sono soddisfazioni

Su 6 porte forse riesco a montarne solo 3.
Il muratore è fuggito, 3 porte sono da rifare o devo rompere il muro.
Grazie a un amico che ha pietà di me giro per magazzini, falegnamerie, ferramenta per cercare misteriose rondelle per le porte a scrigno che non si trovano..
Ancora abbastanza disordine in giro e 2 o 3 amatissimi libri che non ritrovo.
Ma le mie piantine no, non si sono rovinate..
Sono la continuità con la mia casa di prima, di un anno fa, e hanno resistito a polvere e cemento.
Sono soddisfazioni.
 

Presentazione del libro "L'ultima sfida" di Adalberto Minucci

Proprio il giorno prima, l'Istituto Gramsci di Torino aveva dedicato una giornata di studio sulla storia politica di Adalberto Minucci, dove anche io ho portato una testimonianza.
Minucci non accettò il superamento del Pci, aderendo alla seconda mozione nel congresso del 1990, e diede vita, insieme a Novelli ed altri, a Rifondazione comunista.
Questo percorso di un quadro berlingueriano, da Torino a Roma, ha consentito una profonda ricostruzione sul profilo politico programmatico della sinistra italiana.
Anche qui sala gremita da tutti esponenti della sinistra ex Pci.
Anche noi abbiamo i nostri recinti.
Solo Giorgio Ardito, io e pochi altri, peripatetici del dibattito politico, per interesse all'unità delle culture che si oppongono alle destre, cerchiamo di frequentare più luoghi per rispetto e interesse sincero.
Esorto tutti gli amici a sfruttare questa ricca offerta politico - culturale del Polo del '900 e delle altre Istituzioni culturali torinesi.
Aiuta ad allargare lo sguardo, a costruire legami politici seri.
Un bel regalo di Natale che possiamo fare a noi stessi.
 

"Parole che contano"

Ieri sera al Circolo dei lettori di Via Bogino presentazione del libro di Giorgio Merlo e Giuseppe Novero "Parole che contano": una serie di interviste a personalità per lo più di area cattolica intorno a parole simbolo come responsabilità, giovani, straniero etc.
Numerosi i riferimenti al Magistero della Chiesa e all'esperienza dei popolari piemontesi.
Riconosco in sala molti esponenti politici ex Dc e Ppi, che concorsero all'esperienza della Margherita.
Adesso tira aria da terzo polo, operazione cultural - politica.
Alla fine, uscendo, scherzo con Merlo ed altri, esortandoli a non creare nuovi steccati.
Ma forse non sono mai stati abbattuti.

I gatti della Dogana

Fb è pieno di immagini di gatti, animali magici che riempiono le nostre case e le nostre cure.
Ce ne sono anche di meno fortunati, ma che comunque se la cavano.
Queste sono le casette per l'inverno dei gatti della colonia della Dogana in Via Giordano Bruno, concessa dal Comune.
Ci abitano i "gatti del sindaco", circa 40, raccolti e invecchiati li..
 
 
Uno dei tanti.. quelli che si fanno più vedere, hanno anche un nome.
Vengono a mangiare ma sono inavvicinabili, anche dopo anni.
Circa 50 scatolette al giorno e croccantini a chili.
Tutto a carico di 4 o 5 volontarie e della carità pubblica dei supermarket e negozi della zona.
Io alla domenica contribuisco la mia parte.
 
 
Ma nulla sarebbe possibile se non ci fosse lei, Rossella, che dal 2006 ogni santo giorno organizza, prepara i piatti, controlla la salute di tanti mici, cerca i veterinari..
Mirabile..
Ha lavoro e famiglia, ma concilia tutto con questo suo grande amore.
Provvediamo con cibi di supermarca.
Non sia mai detto che i gatti di colonia valgono meno dei nostri amici in casa.
Anche se questi, magari riconoscenti, non ti concedono le fusa, stanno lontani e ti guardano imperturbabili con i loro occhi misteriosi.
 

Gravissimo errore

Errore?
Gravissimo comunque, perché sono morte 2 persone.
Il missile russo caduto in territorio polacco allarma anche l'Ungheria, e tutti i paesi baltici.
Non un errore, ma un segnale verso chi voleva accendere un piccolo segnale di distensione? Staremo a vedere.
Il momento è drammatico, perché siamo in territorio Nato.
Il tweet di Enrico Letta è generoso ma politicamente improvvido.
Ci vuole freddezza e cautela.
Per fortuna con cautela si stanno muovendo gli americani e il Pentagono.
 

Cerca nel sito


Podcast

Appuntamenti

Salvare l'Europa: come uscire dal debito e dalla stagnazione

Venerdì 26 febbraio 2016
Sala Viglione, Palazzo Lascaris
Via Alfieri 15
Torino

Presiede: Magda Negri

Intervengono: Davide Gariglio, Mercedes Bresso, Alberto Majocchi, Enrico Morando

Leggi tutto...

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico