header

Magda Negri

header

Stabilità per le riforme

Non ostante l'amarezza del tono, la sostanza del discorso di Napolitano è fortemente positiva e politica. Un appello a tutti i riformatori per guadagnare un risultato possibile sulla legge elettorale e la riforma del Senato con maggioranza di persone di buona volontà.

Appare quindi del tutto fuori misura la reazione di Brunetta di poche ore fa, che considera l'appello di Napolitano una provocazione a Forza Italia, una posizione politica che merita l'impeachment.

Resta sempre la spada di Damocle delle possibili dimissioni anticipate del presidente. Questo raggelerebbe un panorama politico scosso da terremoti sfascisti.

Con Napolitano, Renzi e Letta Bisogna giorno per giorno tenere il campo della stabilità per non restare ancora una volta a mani vuote, vuote di tutto o meglio con la sabbia, che scorre fra le dita, degli effetti della legge puramente proporzionale che la sentenza della consulta ci ha regalato.

Lettera ad Europa e l’Unità

Caro direttore,

Confesso il mio stralunato stupore per aver sentito (forse caduto in un tranello giornalistico) il segretario del Pd escludere in diretta, davanti a milioni di elettori, Rosy Bindi e Massimo D'Alema dalle future liste per le elezioni europee. Ma gli interessati ne avevano fatto richiesta? E che senso ha questo fuoco di fila preventivo verso due illustri dirigenti del partito che forse hanno più di 35 anni ma il cui merito e la cui rappresentatività politica è fuori da ogni dubbio?

Leggi tutto...

Il giorno dopo

Bene il probabile accordo Letta-Renzi per rendere proficuo questo anno di lavoro e tentare qualche pezzo di riforma costituzionale oltre alla la riforma elettorale.
Le pulsioni fasciste erano solo un'invenzione dei giornali.
Berlusconi dovrà ballare da solo.

Leggi tutto...

Grande vittoria di Renzi

Grande vittoria di Renzi: ha le mani totalmente libere, pero che le usi bene.

Però… Per la prima volta dal 2007 (a parte le primarie di investimento di Prodi) il voto degli iscritti è quasi travolto dal voto degli elettori. Una contraddizione mai verificatasi e che avrà conseguenze.

Leggi tutto...

Aspettiamo ad esultare

Nella sua parte finale, il comunicato della Corte Costituzionale sul Porcellum dice che nelle prossime settimane ,con la pubblicazione della sentenza, scatteranno gli effetti giuridici della medesima. Si aggiunge inoltre che "il Parlamento può sempre approvare nuove leggi elettorali secondo le proprie scelte politiche, nel rispetto dei principi costituzionali": cosa vuol dire?

Una cosa mai accaduta negli ultimi decenni: la sentenza è auto-applicativa e quindi una nuova legge elettorale totalmente proporzionale con preferenze è già viva, operante.

Leggi tutto...

Direzione Regionale PD del 2 dicembre

Linea faticosa che non condivido integralmente per errori di alcuni nostri amici e compagni in cerca di visibilità (o forse davvero convinti).

Siamo riusciti a spostare l’attenzione della responsabilità e dalle immoralità di Cota e della sua sgangherata maggioranza alla presente responsabilità dei Consiglieri PD che, secondo Repubblica, sarebbero i responsabili, se non si dimettessero, della permanenza di questa maggioranza. Pazzesco! Ieri il caporedattore di Repubblica ci i intimava di dimetterci subito senza pensare al bilancio, al cambio della legge elettorale, alla gestione dei fondi europei.

Leggi tutto...

Risultati

Mi aspettavo il 2% in più per Cuperlo a discapito di Renzi. Mi aspettavo un miglior risultato in Piemonte per Civati. 

Sbaglia la stampa a dire che è stato sconfitto l'apparato ex-comunista. Formidabile errore ottico: da dieci anni l'apparato non esiste più e sono stati gli ex segretari regionali e di federazione, i sindaci, i consiglieri regionali, i parlamentari, tutti eletti che un anno fa avevano votato Bersani a spostare il voto su Renzi. Non è apparato, sono gli eletti del PD.

Cuperlo è una nobilissima figura ma assolutamente identitaria, non allargava il consenso e non l'ha voluto fare in tutta la campagna elettorale. Cuperlo ha voluto rappresentare quello che è stato il centro berlingueriano del PCI, cultura importante nel PD attuale ma che naturalmente ne può rappresentare solo una parte.

L'evoluzione del quadro politico metterà a prova le nostre capacità di coesione interna, di unità di governo dei processi. Per ora, dato anche il crollo di partecipazione democratica che il voto in Basilicata segnala, non solo molto ottimista.

Cerca nel sito


Podcast

Appuntamenti

Salvare l'Europa: come uscire dal debito e dalla stagnazione

Venerdì 26 febbraio 2016
Sala Viglione, Palazzo Lascaris
Via Alfieri 15
Torino

Presiede: Magda Negri

Intervengono: Davide Gariglio, Mercedes Bresso, Alberto Majocchi, Enrico Morando

Leggi tutto...

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico