header

Magda Negri

header

L'occupazione non si crea con l'abuso del welfare -  Pietro Ichino

Caro Direttore, il problema degli «ammortizzatori sociali», che il presidente Napolitano nel suo discorso di fine anno ha messo al primo posto nella lista delle riforme urgenti, non è principalmente quello del reperimento di fondi pubblici da destinare a chi perde il lavoro. Il problema è che, se il trattamento offerto ai disoccupati consiste soltanto in un sostegno del loro reddito, questo rischia di produrre l`effetto di rallentare la ricerca del nuovo lavoro, allungando i periodi di disoccupazione.

Se si vuole evitare questo effetto, occorre che il sostegno del reddito sia offerto soltanto a chi è effettivamente impegnato nella ricerca del nuovo lavoro. Ma in Italia questa «condizionalità» dei trattamenti di disoccupazione, pur prevista dalla legge, di fatto non funziona. Ciò spiega almeno in parte il mantenimento del basso livello e della ridotta area di applicazione dei nostri trattamenti di disoccupazione: quello «ordinario» pari al 60 per cento dell`ultima retribuzione per 6 mesi, che si riduce al 50 nel settimo mese e al 40 nell`ottavo, sempre comunque con un tetto intorno ai mille euro - non si applica a milioni di lavoratori atipici: lavoratori a progetto, o «partite iva» in condizione di sostanziale dipendenza. Nel settore industriale si applica un «trattamento speciale» pari all`80 per cento dell`ultima retribuzione per un anno, ma anch`esso con lo stesso limite massimo.

Vero è che nell`industria è molto frequente l`abuso della cassa integrazione, utilizzata per mascherare il sostanziale licenziamento; ma questo, lungi dal risolvere il problema, lo aggrava, perché più dura il periodo di disoccupazione, ancorché mascherato, più diventa difficile ricollocare il lavoratore. In che cosa può consistere, dunque, una riforma seria dell`assicurazione contro la disoccupazione?

Trovare qualche centinaio di milioni da distribuire a chi oggi ne è ancora escluso è abbastanza facile; ma come è pensabile che il nostro Paese si doti rapidamente e in modo capillare dei servizi nel mercato del lavoro indispensabili perché quel denaro possa essere speso bene, senza effetti controproducenti? Nell`immediato, per far fronte agli effetti della crisi economica in atto il massimo che si può fare è, cercare come si sta facendo di tamponare in qualche modo le falle più grosse. Ma questo evidentemente non basta: occorre gettare le basi di un nuovo sistema, capace di, garantire tutti, senza produrre un allungamento dei periodi di disoccupazione.

La quadratura del cerchio è possibile solo se, insieme agli ammortizzatori sociali, si riforma anche la disciplina dei nuovi rapporti di lavoro e si attivano gli incentivi economici giusti per il miglioramento dei servizi nel mercato. Per esempio: ipotizziamo che i nuovi rapporti siano quasi tutti a tempo indeterminato e che, in cambio, l`impresa venga esentata dal controllo giudiziale sul motivo economico od organizzativo del licenziamento (controllo di fatto impossibile: è bene che il giudice si limiti a controllare soltanto che il motivo non sia discriminatorio); ipotizziamo, poi, che all`impresa venga chiesto inoltre di integrare il trattamento di disoccupazione, in modo da garantire all`ex dipendente il go per cento durante il primo anno dal licenziamento; poi, se la disoccupazione continua,l`80 per cento nel secondo anno e il 70 nel terzo; e che al lavoratore venga posta come condizione, per godere di questa robusta garanzia economica, di accettare di essere affidato a un`agenzia specializzata scelta dalla stessa impresa, di concerto con la controparte sindacale, la quale curerà tutte le misure per la ricerca della nuova occupazione e la riqualificazione mirata, controllando giorno per giorno la partecipazione del lavoratore stesso e la sua disponibilità reale.

Il costo per l`impresa del trattamento complementare, nel primo anno, sarebbe molto ridotto (poiché in questo periodo il grosso, come si è visto, è a carico dell`Inps), ma sarebbe alto nel secondo e terzo anno; l`impresa avrebbe dunque un forte interesse a operare per il ricollocamento del lavoratore entro il primo semestre, o al più entro il primo anno.

Ci si potrebbe dunque attendere che l`agenzia prescelta attivi i servizi più adeguati di outplacement, per la più rapida e soddisfacente soluzione del problema. A questa ipotesi di riforma la Confindustria obietta che essa costerebbe troppo alle imprese. È lecito dubitare della fondatezza di questa obiezione, se si considera che, secondo i dati disponibili, già in tempi normali più di quattro lavoratori su cinque che perdono il posto in Italia ne ritrovano uno entro il primo anno.

Se poi lo Stato farà la sua parte incrementando il trattamento di disoccupazione e le Regioni faranno la loro coprendo almeno in parte il costo dei servizi di outplacement, l`obiezione potrà essere superata del tutto.

Cerca nel sito


Podcast

Appuntamenti

Salvare l'Europa: come uscire dal debito e dalla stagnazione

Venerdì 26 febbraio 2016
Sala Viglione, Palazzo Lascaris
Via Alfieri 15
Torino

Presiede: Magda Negri

Intervengono: Davide Gariglio, Mercedes Bresso, Alberto Majocchi, Enrico Morando

Leggi tutto...

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico