header

Magda Negri

header

la Repubblica, 20 settembre 2007 - Partito democratico, 5 cose da fare subito - di MARIO PIRANI

ROMA - Non prendiamoci in giro. La nascita del Partito democratico non sta maturando attraverso una "fusione calda", malgrado le speranze suscitate e che erano sembrate coagularsi in due momenti: i congressi di scioglimento di Ds -Margherita e la presentazione della candidatura Veltroni.
Dopo quei passaggi ci si attendeva un rilancio che aprisse subito le porte del costituendo partito a forze sociali fin qui mortificate, a intelligenze creative fin qui messe ai margini, a spiriti liberi pronti a impegnarsi.


La delusione è, per contro, palpabile. Il timore che la perigliosa
iniziativa sfuggisse di mano alle due nomenclature di riferimento ha
prodotto un macchinario selettivo barocco e antidemocratico. Il suo
funzionamento è difficilmente comprensibile, di nessuna attrattiva,
dissuasivo nei confronti di ogni desiderio di partecipazione. Lo
spezzatino delle liste per circoscrizione, la duplicazione delle
medesime (più di una per candidato), la designazione delle
candidature ad opera di piccoli gruppi di vertice addetti alla
bisogna, il rifiuto di permettere le preferenze, così da controllare
e gestire rigidamente l'ordine di ogni lista dei designati,
(ricalcando l'aborrita - a parole - legge elettorale vigente):
questi gli aspetti salienti del marchingegno messo in piedi.

Ben altro sarebbe stato l'effetto se si fosse votato in tutta Italia
per i soli candidati alla leadership (Veltroni, Letta, Bindi, ecc.)
attraverso un voto cui partecipassero per internet o per suffragio
al seggio tutti i militanti e i simpatizzanti che lo volessero (le
tecnologie computerizzate di controllo impediscono ormai le
duplicazioni), versando una quota e sottoscrivendo un breve impegno
di adesione. L'aver inoltre applicato alla Costituente un
federalismo spinto, accompagnando all'elezione del segretario
nazionale, quella dei leader regionali, oltre ad aver scatenato in
ogni capoluogo una lotta personale asperrima, ha tracciato i binari
di un partito localistico, prefigurando una federazione di
micropotentati, di feudi di signori delle tessere e dei voti, restii
a far propri i valori di una politica nazionale e ancor meno
europea. Alla partizione ideologica di partenza si assommerà, così,
quella regionalistica.

Tutto questo potrebbe forse non incidere più che tanto se i
candidati di maggior rilievo e, in primo luogo, Walter Veltroni
riuscissero a svincolarsi dai lacci che lo spirito di conservazione
dei partiti d'origine hanno loro imposto e che forse hanno accettato
con troppa rassegnazione, subendo oggi le leggi del compromesso, per
far meglio domani. Sol che questa non è una fase che consenta una
lunga marcia per arrivare a medio termine a secernere sapientemente
una nuova classe dirigente, capace in un prossimo futuro non meglio
definito, di dirigere il nuovo partito dei riformisti, a vocazione
maggioritaria, come ha detto Veltroni e, cioè, in grado di
governare, scegliendo maggioranze coerenti.

La fase attuale è, per contro, di rapido e rovinoso smottamento del
rapporto di fiducia tra la democrazia rappresentativa e masse
crescenti di cittadini, molti dei quali o sfiduciati o preda di ogni
ventata demagogica e distruttiva. Potremmo attardarci ad analizzarne
le cause, capire quali sono state le realizzazioni sottovalutate e
gli errori non perdonati del governo Prodi (il maggiore dei quali, a
mio avviso, è stato quello di sostenere ad ogni occasione che
l'elettorato è destinato a capire domani, forse fra qualche anno, la
giustezza delle cose di cui oggi si lamenta). Potremmo, inoltre,
elencare le ancor più gravi pecche in cui sono incorsi i partiti
(culminate da ultimo in un impeto suicida nell'apertura delle porte
del Festival dell'Unità all'appello squadristico di Beppe Grillo per
la distruzione di ogni partito presente e futuro, tranne ovviamente
il suo).

Qui ed ora urge, però, ben altro che acute disamine politologiche.
Urge prendere atto di una situazione, confermata da tutti i sondaggi
(vedi quello di Diamanti del 18 us) e descritta su queste colonne da
Eugenio Scalfari con uno dei più drammatici pezzi che abbia mai
concepito in tutta la sua vita e di cui sottoscrivo ogni parola ("Il
popolo cerca il giudizio universale", Repubblica, 16 us). Aggiungo,
però, che se oggi "c'è un crescente rifiuto di questa politica, di
questi partiti, di questi uomini politici" e se gli appelli di Beppe
Grillo danneggiano solo la sinistra e fanno ben contento
Berlusconi "che da 15 anni fa politica in nome dell'antipolitica",
ebbene questo desolante quadro è il frutto non di una mutazione
antropologica che ha reso il popolo di sinistra refrattario ai
valori della politica ma della delusione amarissima per il degrado
etico, la pochezza, la litigiosità, l'incoerenza, la presunzione,
l'arroganza, la proterva occupazione del suolo pubblico di ogni
ordine, grado e qualità a cui una parte notevole dei ceti dirigenti
dell'arco governativo si è lasciata andare in questi anni, senza
incontrare resistenza e denuncia da parte di chi dissentiva tacendo.
Questo ha sovente anche cancellato la percezione della differenza,
nell'azione pratica e persino nelle parole, tra destra e sinistra.

Eppur tuttavia c'è ancora una possibilità reale di riscossa. Non è
affatto detto che almeno la metà degli italiani, che ha votato
centro sinistra nelle ultime elezioni politiche e amministrative,
sia perduta per sempre o stia passando armi e bagagli nel campo di
Berlusconi e Beppe Grillo, uniti sotto spoglie diverse in un unico
disegno. C'è un dato nell'ultimo sondaggio Demos-Eurisko, su cui
Ilvo Diamanti si sofferma ("Repubblica" 16 settembre), che indica
chiaramente uno spazio di ripresa, laddove afferma: "La candidatura
di Walter Veltroni ha smosso le acque stagnanti in cui rischiava di
affondare il Pd... Insieme a Fini egli appare ancora il leader
politico più amato dagli italiani..... L'elettorato potenziale del
Pd è molto più ampio di quello attuale. Le stime oggi gli
attribuiscono poco più del 26% dei voti ma la quota di coloro che
ritengono possibile votarlo è molto più ampia. Intorno al 44%. La
componente dei "democratici indecisi" è costituita in larga misura
(40%) da elettori incerti "se" e "per chi" votare... sulla soglia
che separa speranza e delusione".

Ecco, dunque, il campo dove Veltroni dovrebbe giocare la sua
partita. Con rapidità, spregiudicatezza, coraggio.
Affrontando la questione di fondo che lui non ha fin qui eluso ma
non ne ha fatto, certo, il centro della sua campagna: la crisi
attuale della politica e la necessità urgente di rifondarne il
messaggio. Se quello di Beppe Grillo ha raccolto 300.000 adesioni,
l'assai meno urlato Decalogo (mi scuso per la citazione) da me
proposto il 24 maggio us su questo giornale ne ha raccolte 150.000.

I nostri lettori, ma credo la stragrande maggioranza degli italiani
al di fuori della "casta", volevano e vogliono dei segni concreti di
cambiamento: 1) Un governo snello ed efficiente, di 15 ministri, di
cui 7 o 8 donne e 45 sottosegretari, non di più; 2) Un taglio
drastico dei privilegi e degli stipendi del pletorico ceto che vive
sulla politica: più di mille parlamentari, diecine di migliaia di
consiglieri regionali, comunali, provinciali, delle comunità montane
e quant'altro; 3) Un disboscamento delle migliaia e migliaia di
società a partecipazione pubblica, degli assessorati inutili, delle
sovvenzioni clientelari; 4) La fine della lottizzazione delle
cariche negli enti pubblici, nelle Asl, nei ministeri; 5)
L'estromissione dei partiti dalla Rai.

Basterebbe questo per rompere il clima di delusione e rassegnazione,
recuperando, quanto meno, incerti e indecisi. Veltroni, certo,
potrebbe obbiettare che queste cose non dipendono ancora da lui. E'
vero, ma è pur possibile, come ha suggerito Piero Fassino all'ultima
Festa dell'Unità, vincolare nel corso della prossima Costituente ad
alcune decisioni, regole e norme di comportamento tutti i dirigenti
e gli esponenti istituzionali del nuovo Partito, raccogliere e
rispondere - è sempre Fassino che parla - "all'indignazione nel
vedere il merito, la capacità, la fatica dello studio travolti da
concorsi truccati, appalti guidati, assunzioni di favore". Veltroni
non può e non deve proporsi affatto di scalzare Prodi. Deve, però,
convincersi che nella sua campagna per la leadership del nuovo
Partito gioca contemporaneamente una partita futura, di cui oggi gli
italiani debbono percepire le caratteristiche essenziali e
credibili. Per questo deve dire ora che tipo di governo ha in mente.
Deve proporre ora un tavolo Stato-Regioni che riporti i governi
locali a dimensioni anche di spesa compatibili con la pubblica
decenza. Deve dire ora come vuol mettere fine alla lottizzazione.

Ed, infine, dovrebbe anche aggiornare schemi invecchiati di
comunicazione. Ad esempio le cose che ha detto e scritto negli
ultimi mesi sono ricche di idee e proposte giuste. Avvolte, però, in
articoli troppo lunghi, in discorsi troppo alti ancorché
accattivanti, redatti con un linguaggio non sempre adatto a tradursi
in un messaggio immediato, secco, comprensibile a tutti. Mi dicono
abbia aperto un blog. Ne faccia ampio uso e tramite internet entri
in contatto, il più possibile, con quanti non può incontrare
direttamente. Lasci perdere le defatiganti mediazioni. Non c'è più
il tempo. Si rivolga direttamente alla gente. Gli è ancora possibile
farsi ascoltare.

Cerca nel sito


Podcast

Appuntamenti

Salvare l'Europa: come uscire dal debito e dalla stagnazione

Venerdì 26 febbraio 2016
Sala Viglione, Palazzo Lascaris
Via Alfieri 15
Torino

Presiede: Magda Negri

Intervengono: Davide Gariglio, Mercedes Bresso, Alberto Majocchi, Enrico Morando

Leggi tutto...

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico