header

Magda Negri

header

La Stampa, 16 febbraio 2008 - Perchè le donne si sono riprese la parola - CHIARA SARACENO

Dopo settimane di continuo, violento attacco al diritto delle donne di decidere se portare a termine una gravidanza da parte sia dei massimi vertici della Chiesa cattolica che dei vari teodem e teocon, le donne si sono ripresa la parola e lo spazio pubblico da cui di fatto quell'attacco cerca di estrometterle. Prima ancora che una manifestazione a difesa della legge 194 sull'interruzione volontaria di gravidanza, la manifestazione spontanea di giovedì è stata la rivendicazione del diritto prioritario delle donne a decidere su ciò che riguarda innanzitutto loro e che per esistere deve passare attraverso il loro consenso e accoglimento.

Di fronte al silenzio imbarazzato dei partiti, incluso il Pd, timorosi di urtarsi con la Chiesa e per questo troppo spesso dimentichi della necessità di difendere i diritti civili, a partire da quello fondamentale dell'habeas corpus, le donne che sono scese in piazza ricordano che il corpo delle donne non è, come denunciava già anni fa la filosofa tedesca Barbara Duden, luogo pubblico, su cui tutti, salvo loro stesse, hanno diritto di intervenire. La mediazione necessaria del corpo femminile per mettere e venire al mondo non può che passare dal riconoscimento della libertà e della dignità femminile. La manifestazione di giovedì reagisce alla degenerazione del dibattito pubblico attorno alla questione dell'aborto, che ha raggiunto nel nostro Paese impensabili abissi d'inciviltà e mancanza di rispetto per le donne e le loro scelte difficili.

È vero che i teodem, che fino a ieri appoggiavano entusiasticamente Ferrara, al punto che sembrava volessero farlo «santo subito» cominciano a prendere cautamente le distanze rispetto alla sua lista pro-life. E l'Osservatore Romano addirittura
raccomanda di abbassare i toni e evitare «strumentalizzazioni ad uso elettorale sui temi etici», auspicando un «dibattito sereno e obiettivo». Ma non possono facilmente chiamarsi fuori dalla responsabilità di aver creato questo clima violento, che pretende di zittire chi la pensa diversamente sull'esistenza di una vita umana fin dal concepimento e ha ridotto tutta la discussione sul diritto alla vita al diritto dell'embrione. Non si sente infatti, da parte di questi difensori degli embrioni, un'indignazione, una proposta di mobilitazione, neppure vagamente paragonabile per le condizioni di povertà, malattia, sfruttamento in cui si trovano a vivere molti bambini e alla violenza e negazione di sé cui sono condannate le donne in molte parti del mondo.

La vita sembra contare ed evocare solidarietà solo prima che ci siano esseri umani in carne ed ossa. Poi diviene molto meno importante, se non irrilevante. Molte delle donne che sono scese in piazza sono madri, figlie, compagne, che
quotidianamente costruiscono le condizioni di una vita decente per i loro figli, mariti, compagni, genitori anziani, nella cura
quotidiana richiesta dalla riproduzione della vita. Sono scese in piazza perché loro e le altre possano continuare a farlo liberamente. C'è ancora molto da fare perché le condizioni di questa libertà siano garantite nel nostro Paese. Ma l'ultima cosa da fare è obbligare le donne a mettere al mondo un figlio che non vogliono o non possono avere, mettendo sotto tutela il loro corpo e impedendo loro di decidere su di sé.

Cerca nel sito


Podcast

Appuntamenti

Salvare l'Europa: come uscire dal debito e dalla stagnazione

Venerdì 26 febbraio 2016
Sala Viglione, Palazzo Lascaris
Via Alfieri 15
Torino

Presiede: Magda Negri

Intervengono: Davide Gariglio, Mercedes Bresso, Alberto Majocchi, Enrico Morando

Leggi tutto...

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico