header

Magda Negri

header

Non sono gli anni Settanta, non c'è una generazione pregna di ideologismi, non ci sono rischi di terrorismo, però quello che è successo a Roma, quello che succede a Chiomonte nel torinese e in Grecia denota una disperazione di una parte significativa di una generazione.

Io non vorrei lasciare indietro nessuno ma penso che anche i diciottenni debbano considerarsi adulti e assumere pienamente responsabilità su di sé. È giusto indignarsi, è giusto manifestare ma il tempo è feroce e i problemi sono feroci.

Se la parte migliore di questa generazione - che costituirà l'élite dirigente di domani - non si dà un ritmo, delle scadenze,  degli obiettivi ma si lascia solo andare a questa onda di protesta anche un po' folcloristicamente gonfiata dai media, potrebbe essere un'occasione perduta.

Io spero che ci sia un sussulto di responsabilità e allora davvero i giovani saranno le nostre speranze di domani.

Ma c'è qualche rischio e soprattutto: attenzione ai vecchi e cattivissimi maestri!



Cerca nel sito


Podcast

Appuntamenti

Salvare l'Europa: come uscire dal debito e dalla stagnazione

Venerdì 26 febbraio 2016
Sala Viglione, Palazzo Lascaris
Via Alfieri 15
Torino

Presiede: Magda Negri

Intervengono: Davide Gariglio, Mercedes Bresso, Alberto Majocchi, Enrico Morando

Leggi tutto...

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico