header

Magda Negri

header

Nostalgia

Nostalgia, elaborazione del lutto per le persone care che ci hanno lasciato, per il "noi stessi" che ci lasciamo alle spalle, nei periodi della nostra vita che attraversiamo.
Sto leggendo il toccante libro di Massimo Recalcati "La luce delle stelle morte".
E allora corro a cercare vecchie foto..
Qui siamo agli inizi degli anni '80.
Un gruppo di compagni per lo più dell'ambiente sanitario mi avevano invitato a una scampagnata in montagna... dalle parti di Lanzo.
Affittavano tutti insieme una vecchia grande baita non ristrutturata, come si usa adesso.
Non troppo lontana da una miniera di amianto, dismessa ma ancora aperta.
Giovani e incoscienti, ambientalmente analfabeti.
Ma che bello, quel giorno..
La seconda a sinistra è la cara Carla Nespolo, dirigente nazionale dell'Anpi, che ci ha lasciato qualche anno fa.
Nostalgia.

Grande manifestazione... Aspettiamo proposte

Oggi con il prof. Coluccia alla manifestazione per la libertà dell'Iran.

Grande manifestazione.
La maggioranza giovani iraniani, ma anche molti italiani.
Qualche bandiera della Cgil, pochi i politici presenti.
 
 
Decine e decine su lunghi teli, i volti dei giovanissimi manifestanti uccisi nelle rivolte o giustiziati.
Tajani ha detto questa sera che l'Iran ha superato la linea rossa.
Aspettiamo proposte.
 

Attrezzare un sistema sicuro..

Ieri a Novara con le mie amiche "padane" a mangiare la "paniscia", piatto contadino di riso, verze, salame, ormai rarissimo da trovare..
Sopravvive a Novara, Vercelli, nel pavese..
Si parla ovviamente del Congresso.
Io voterò Bonaccini, Franca dopo la presentazione di Cuperlo lascia Bonaccini per Cuperlo, Valeria è tentata da Schlein perché le sembra più "nuova".
La terza non è interessata alle primarie.
Tutte hanno dubbi sostanziali sulle primarie online..
Poco sicure, manipolabili.
Bisognava pensarci prima, nello scorso anno.
Attrezzare un sistema sicuro..
Interessante ascoltare le opinioni di chi è un po' lontano dalla politica attiva e ipermilitante.
 

Purtroppo è andata così

Ripubblico questo documento politico prodotto da alcuni esponenti "liberal" del Pd, altri di diversa ispirazione, sindacalisti ecc., perché a tutt'oggi mi risukta essere il primo e unico documento prodotto nella fase costituente, prima del deposito delle varie mozioni.
Spero di sbagliarmi, naturalmente.
Spero che proprio in queste ore si stiano aggiungendo non articoli in libertà di singoli, pubblicati su vari giornali e siti web, ma veri documenti di indirizzo politico non contingente in vista del Congresso.
Tutto questo silenzio dimostra che la cosiddetta fase costituente era stata impostata malissimo, di fatto solo per consentire l'ingresso di Articolo1, Demos ecc. nel Pd e di candidati indipendenti come Schlein di candidarsi subito come segretario/a.
Per fortuna l'iniziativa assunta il 22 dicembre da alcuni dirigenti di un confronto con i 3 candidati fino ad allora presentatisi per rimandare a dopo il congresso la Carta dei Valori e così via ha relativizzato questa fase costituente.
Comunque si è perso e si sta perdendo tempo.
Sono stupita che solo un gruppo di autorevoli compagni e dirigenti abbia chiesto pubblicamente di accelerare i tempi del congresso.
Tutti gli altri zitti... chissà perché.
Con la chicca finale che le primarie si terranno dopo le elezioni regionali in Lombardia e Lazio.
Con l'ovvia conseguenza che saranno le contraddittorie alleanze applicate a queste due regioni a monopolizzare e ad alterare la fase finale del congresso.
Purtroppo è andata così.
 

Rientro a Torino

Bart è tornato a Torino, a casa.

Cerca nel sito


Podcast

Appuntamenti

Salvare l'Europa: come uscire dal debito e dalla stagnazione

Venerdì 26 febbraio 2016
Sala Viglione, Palazzo Lascaris
Via Alfieri 15
Torino

Presiede: Magda Negri

Intervengono: Davide Gariglio, Mercedes Bresso, Alberto Majocchi, Enrico Morando

Leggi tutto...

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico