header

Magda Negri

header

Una notte grigia sull'Europa..

Il gran circo di Verona sa di non poter modificare significativamente la legislazione italiana su coppie di fatto, aborto, adozione ecc.
Perchè quindi conficcare personaggi improbabili, campioni dell'oltrantismo e dell'oscurantismo in questa passerella internazionale, proprio prima della campagna elettorale?
Vogliono segnare un punto, dividere il mondo cattolico, dare un nuovo volto truce alla nuova destra, ormai lontanissima da forza Italia e anche da quella che fu l'Alleanza Nazionale di Fini, che votò la legge sulla maternità assistita.
L'ultima pennellata su un quadro ce si compone di simboli e di messaggi identitari e che qualifica, in negativo, ma qualifica, il nuovo soggetto politico.
Le donne e le loro libertà sono il primo obiettivo, ma le aspirazioni sono più grandi: una notte grigia sull'Europa...
 

L'Italia è lontana...

Ieri, ritornando da Roma, dove abbiamo tenuto un impegnativo direttivo di LibertàEguale, incontro in treno la moglie di un mio caro amico, ex parlamentare e giornalista: una bellissima signora finlandese, in Italia da quasi 50 anni, che ha gli occhi di un azzurro cielo come non ne ho visti mai.
Lei sta andando a Milano a trovare il nipotino e mi racconta dell'intensa attività politico - culturale che sta facendo tra Roma e l'Umbria, organizzando seminari sull'Europa e lezioni, fino alla pubblicazione di un piccolo volume collettaneo.
Entusiasta e preoccupatissima, usa spesso il "voi".
"Voi chi?"
"Voi italiani, che siete governati da questo governo di M5S e Lega".
Non fa molto differenza tra i due, e si diverte, con una pronuncia ancora vistosamente straniera dopo 50 anni, a sottolineare gli strafalcioni dei deputati 5S in tv e la rozzezza di Salvini.
E' profondamente italianizzata ormai, e ha lasciato la sua originaria casa in Liguria per vivere la tensione in un piccolo borgo dell'Umbria.
Passiamo dalla politica ala descrizione del suo orto, dei suoi fiori, dei suoi alberi da frutto con cui, dice, parla alla mattina.
Abita sostanzialmente da sola, e alla fine parla della bellezza della sua giovinezza in Finlandia, quando - testuale - "Arrivava la primavera e la mamma era ancora viva".
Mi parla dei boschi incantati, delle case di legno a filo d'acqua che ora vengono in gran parte comperata dalla piccola e media borghesia russa.
In fondo tra la capitale Helsinki e Sanpietroburgo ci sono solo 4 ore di treno.
Pare che tutto ciò ai finlandesi non piaccia.
Alla fine ritorna al "Voi" e mi tira fuori dalla borsetta una lettera dello stato finlandese, che la convoca per le elezioni nazionali prossime all'ambasciata di Firenze per il voto.
Se vuole può anche votare per posta, ma lei ha piacere di andare all'ambasciata per vedere un pò di connazionali.
Con estremo orgoglio mi fa vedere una sorta di preambolo alla lettera di convocazione, dove si spiega ai cittadini finlandesi all'estero, le funzioni del parlamento, i partiti politici esistenti, le loro percentuali ecc.
Mentre arriviamo a Milano si nazionalizza sempre di più.
E mi lascia caricandosi giocattoli per il nipotino con la trionfante conclusione: "Mi dispiace tanto per voi, non so come ne uscirete, ma io sono contenta di votare per il Partito Social Democratico finlandese, che insieme ai Verdi avrà sicuramente la maggioranza assoluta".
Scende a Milano.
L'Italia è lontana....
 

Iniziamo a diventare europei...

Questa volta sto nettamente con Mattarella.
I rapporti con la Cina possono essere governati e il Memorandum é stato riequilbrato, anche in senso politico.
Giusti i caveat di Macron, Zingaretti, Merkel, ma oggi credo che abbiamo fatto gli interessi del nostro paese.
Senza isolarci dall' Europa.
Un primo passo..gli altri li faremo sempre più insieme, come Europei..
Ma quando Francia e Germania avevano incominciato a correre con e verso la Cina, non credo che ci avessero preventivamente interpellato.
Se avessimo avuto un governo più affidabile, anche le reazioni europee sarebbero state diverse.
 

Già la primavera!

Già la primavera!
Annuncio ai miei amici pessimisti di fb sulla compatibilità della coesistenza degli uccelli in habitat urbano, che il mio merlo c'è ancora.
Nessuna cornacchia l' ha attaccato, anche se abitano stabilmente sui pennoni del Filadelfia.
Passa tre volte al giorno, ormai so qual' é il suo mangime preferito.
Zampetta nei vasi grossi e sporca molto.
Ma non mi era mai successo prima e sono molto soddisfatta...
La primavera....
 
 

21 marzo

21 Marzo Festa dell Europa...
non troppo ruggente.
Ma la bandiera c'è.
 

Scene da film..

Come quasi tutti continuo a vedere nelle Tv il susseguirsi delle immagini dei ragazzini scampati al massacro.
Mi colpisce la precisione delle parole e dei dettagli con cui uno di loro spiega alla mamma dove il pulmann si sta dirigendo, e anche la donna é molto forte e contenuta quando il figlio le dice che forse il prof é morto e sul pulman é stata sparsa benzina.
Poi l' intervento perfetto delle forze dell' ordine, il fumo nero.. gli allievi che fuggono urlando..ma tutto sommato consapevoli e bravi.
Scene da film..
Ne abbiamo visti tanti, specie americani, che trattano di avvenimenti simili..
Ma non era un film..
Le parole dell' autista oggi testimoniano di un odio covato a lungo,di un piano preparato da tempo..
Ci siamo illusi di poter scampare strutturalmente in Italia dal terrorismo organizzato e dai suoi cascami nei pazzi o nei lupi solitari.
Bastava un po' di terrore in più, meno sangue freddo ..bastava il sequestro davvero efficace dei telefonini ..e tutto sarebbe precipitato nel rogo degli adoescenti..nello strazio di una nazione.
E la storia d' Italia avrebbe preso un nuovo corso.
 

Cerca nel sito


Podcast

Appuntamenti

Salvare l'Europa: come uscire dal debito e dalla stagnazione

Venerdì 26 febbraio 2016
Sala Viglione, Palazzo Lascaris
Via Alfieri 15
Torino

Presiede: Magda Negri

Intervengono: Davide Gariglio, Mercedes Bresso, Alberto Majocchi, Enrico Morando

Leggi tutto...

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico