header

Magda Negri

header

O il 51% o niente

Sul pulman..dopo Bologna tornando dal mio fulmineo raid in Calabria.
Una modesta proposta alla Commissione per il congresso.
Se nessuno dei candidati arriva al 51% dei delegati eletti alle primarie (ricordo che non é un'elezione diretta del segretario) una settimana dopo si proceda allo spareggio con elezione diretta dei primi 2.
Non ha senso dire..chi prende più voti.. Con il 40 ad esempio, si é legittimati?
Importiamo il Rosatellum?
O il 51% o niente.

Si profila uno strano Congresso

Si profila uno strano Congresso.
I tre candidati principali vengono dal Pci, hanno costruito il Pds, i Ds e il Pd da posizioni di centro equilibrato.
Mai troppo maggioritari, più o meno ulivisti, riformisti, realisti.
Tutti e tre persone con spirito unitario e rispettose profondamente dei diversi percorsi all'interno del Centro sinistra e del partito.
Differenze finora irrilevanti. perché provenienti dalla medesima cultura politica.
Credo che le differenze saranno sul giudizio della terza fase della globalizzazione e sulle cose da fare.
Mi interessa molto vedere le loro proposte sulla forma partito.
Aspetto di leggere tesi e documenti politici..non libri.
Ma mai si é visto un congresso con candidati tanto simili.
 

Un piccolo libro che vale parte di una mozione congressuale. Vale la pena di esserci!

Lunedi 19 la presentazione di questo libro a Torino, con Marco Leonardi e Piero Fassino e rappresentanti delle professioni.
Raramente succede di trovare, concentrati in 127 pagine, 4 anni appassionati di lavoro sulla riforma del lavoro, il completamento della Legge Fornero, il Rei, la Naspi, le misure di contrasto alla povertà e così via.
Una sfida riformista durissima, con luci ed ombre che l' autore analizza, anche con severità autocritica.
Un piccolo libro che vale parte di una mozione congressuale.
Vale la pena di esserci!

http://www.piazzadeimestieri.it/index.php?i_tree_id=213&plugin=news&i_category_id&i_news_id=1633&fbclid=IwAR3MWWWmixzjA3b2RC4DXDTejQULYrS3r4CGP52P3YTyURso7QbAgvnKeKw 

Urge una risposta politica

Arrivano alla frontiera del Messico i rangers a cavallo e i soldati con imponenti armamenti.
Mancano i carri armati ma ci sono le mitragliatrici.
Li manda Trump..ovviamente.
I poveri messicani si ribellano contro i poverissimi honduregni e guatemaltechi che marciano da settimane verso..dove? Cosa accadrà fra pochi giorni?
C'è una qualche soluzione politica pronta?
Non mi pare.
Intanto marciano con la determinazione di chi si è bruciato tutti i ponti e lasciata tutta la vita alle spalle, con i bambini che non piangono e le donne che allestiscono improvvisati depositi per povere masserizie e bimbi gestiti in comune.
I poveri del mondo soffrono e marciano.
Urge una risposta politica.
Quella dei democratici americani sarà molto importante anche per la sinistra europea.

Illegalità diffusa

Ascoltato il concitato dibattito parlamentare, letti numerosi articoli, ascoltati specialmente molti giovani e i vari esponenti e discussents dei 5S per difendere il condono di Ischia..mi chiedo ancora e davvero perché?
Interessi di collegio?
Troppo poco ..
Continuismo con la scandalosa gestione del territorio del Sud?
E a che scopo?
Comunque si rivolti la questione e specialmente dopo il voto conforme di alcuni esponenti di Forza Italia ..ne vien fuori una gestione meschina..pietistica..il peggio del peggio dell'illegalità diffusa e assorbita nelle coscienze.
A gioco finito anche un cretino capisce che non valeva la candela.
Sinceramente non capisco.

Cerca nel sito


Podcast

Appuntamenti

Salvare l'Europa: come uscire dal debito e dalla stagnazione

Venerdì 26 febbraio 2016
Sala Viglione, Palazzo Lascaris
Via Alfieri 15
Torino

Presiede: Magda Negri

Intervengono: Davide Gariglio, Mercedes Bresso, Alberto Majocchi, Enrico Morando

Leggi tutto...

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico