header

Magda Negri

header

Uomini come Carniti ci danno la forza per continuare

Sono molto colpita dalla morte di Pierre Carniti..ancora abbastanza giovane.
Come Lama e Trentin sono stare figure mitiche per la mia formazione politca.
Giganti..per capacita' intellettuali, analisi delle trasformazioni del capitalismo e dell'organizzazione del lavoro, capi veri del loro popolo.
Un popolo che conoscevano e amavano nella sua quotidiana fatica nella vita reale e che volevano educare per fare da sfruttati a produttori.
In una dialettica anche dura con i partiti di sinistra, ma con la passione unitaria di guidare un gigantesco processo di emancipazione e di pedagogia politica.
Uomini come Carniti ci danno la forza per continuare.
 

Governaccio alla riscossa

Prime notizie dal governaccio del finto cambiamento.
Il ministro Fontana straparla subito contro le famiglie arcobaleno, i ministri Salvini e Di Maio tacciono fragorosamente sull'uccisione del giovane sindacalista del Mali che lottava per i diritti degli sfruttati nei campi di pomodoro.
Ci sono tanti modi per registrare che è finita la pacchia.

Così é se vi pare

D' accordo... giochiamo un po'.
Chi è il Demonio?L'importante italiano che vive all' estero e che secondo Giorgetti mercoledì avrebbe convinto lo stato maggiore della Lega che il governo si doveva fare?
O forse sono stati i migliaia di piccoli imprenditori del Nord o gli stati europei a ritenere che una "campagna elettorale referendum euro si/euro no" avrebbe minato lo stesso impianto comunitario?
Matrimonio d'amore o d'interesse che sia, il governo - contratto fra Lega e 5S, detto del cambiamento, può assumere caratteri molto diversi.
Ieri giornata pacata di concordia nazionale.
Ma i grillini che girano i cartelli "W Mattarella" (e non più abbasso) all'ordine di un comico tribuno che agita il campanellino della presidenza del Consiglio rievoca il pirandelliano "Così é se vi pare".
E non mi pare tanto bene.

Insonnia politica

Ormai non si dorme più..colpa anche della gatta che confonde i suoi bioritmi con i miei e ne approfitta.
Giornata spezzata a metà..una corsa in Val d' Arroscia, suggestivo interno dell imperiese, e verso sera in sezione in Via Taggia..
Sono un po' sedute di autocoscienza.
C' è una ironica serenità..si prendono le misure al nuovo governo convinti che non ce la farà.
Lepri riassume la situazione politica e Finocchiaro, un brillantissimo avvocato dei tempi dell'Ulivo che non vedevo da tempo, analizza con una dotta relazione il concetto di populismo.
Manca la politica nuova..la sintesi e l'ordine dell' Agenda che prelude all' azione.
Ma questo è compito del nuovo gruppo dirigente nazionale che credo non tarderà a manifestarsi.

Bisogna esser realisti

Niente da fare..questa notte non riesco ad addormentarmi.
Continuo a fare zapping..aspetto la rassegna stampa..confronto i primi editoriali..
Devo fare pace con il principio di realtà

Trionfo del trasformismo e del realismo politico

Mi associo agli applausi che hanno accompagnato la signorile uscita di scena di Cottarelli.
Qualcuno sa ancora giudicare la grandezza di un civil servant.
Nasce un governo politico che può essere meno rischioso delle elezioni anticipate.
I miei interrogativi ora.
Chi ha influito in modo determinante su chi?
Chi vince e chi perde?
Perché Salvini, di cui abbiamo sempre detto non sarebbe convenuto fare lo junior partner dei 5s, ha ora l' apparenza del vincitore responsabile?
Cosa resta del centro destra anche dopo la gentile offerta della feconda sorella d' Italia di fare la stampella a chi non l ha mai coinvolta?
Trionfo del trasformismo e insieme del realismo politico.
Per il centro sinistra finisce un lungo ciclo politico.
Ci attrezzeremo al nuovo.

Iscrizione a LibertàEguale 2018

Vi chiedo si sostenere un'associazione socialista, liberale e libera.
Aperta a cittadini di tutte le culture e di tutti i partiti.
Quest'anno c'è una vantaggiosa combinazione con l'abbonamento anche a "Mondo Operaio": 20€ ben spesi.
 

Cerca nel sito


Podcast

Appuntamenti

Salvare l'Europa: come uscire dal debito e dalla stagnazione

Venerdì 26 febbraio 2016
Sala Viglione, Palazzo Lascaris
Via Alfieri 15
Torino

Presiede: Magda Negri

Intervengono: Davide Gariglio, Mercedes Bresso, Alberto Majocchi, Enrico Morando

Leggi tutto...

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico