header

Magda Negri

header

Cocconato da sogno

Con Fedra mi scaldo le mani al fuoco di foglie di meliga nella splendido paese di Cocconato invaso da presepi di ogni stile.
Da decenni, credo, non andavo da quelle parti, le colline astigiane del Barbera e della Bonarda.
Posti incantevoli.
 
Potrebbe essere un'immagine raffigurante 4 persone, persone in piedi, albero e attività all'aperto
 
 
 

Tentativi di paesaggisti d'inverno per il Natale

Tentativi di paesaggisti d'inverno per il Natale.
Si comperano degli sfalci di pino (io li compero a 2 euro l'uno a Stupinigi ) li si appende ai balconi con le fascette da idraulico e poi li si addobba a piacimento.
Resistono circa un mese.
Solo che quando sono in macchina sembrano una selva, appesi sembrano rachitici.
Ma quando li finirò con le palline e ghirlande.. sarà un effetto carino.
Dopo un mese circa perdono tutti gli aghi e bisogna riciclarli.
Ma in montagna non è un problema.
 
Potrebbe essere un'immagine raffigurante attività all'aperto
 
 

Dopo.. che arma resta?

Ringrazio gli amici per gli auguri di compleanno.
Scopro che molti della mia età hanno le ore di sonno totalmente variate.
Siamo diventati contadini.
Ci addormentiamo di botto verso le 10 e alle 3 o 4 di mattina siamo già svegli.
Abbastanza in forma.. 5 o 6 ore di sonno sono sufficienti.
Io mi ascolto tutte le rassegne stampa possibili e prendo nota degli articoli da approfondire .
Oggi 2 temi: innanzitutto il gran discorso di Draghi su controllo dell'epidemia, che fa da apripista per tutta l' Europa (parole come pietre..: "difenderemo con le unghie e con i denti la normalità conquistata al prezzo di 130000 morti") e sul protagonismo strategico del continente in politica estera e di difesa.
Dall'altra gli effetti dello sciopero generale su fisco, precarietà, aspetti della manovra del governo.
A me sembra piuttosto un grido di dolore che una piattaforma contrattuale esigibile.. ma tant' è.
Dialettica sociale democratica.. interessi legittimi da rappresentare e difendere.
Solo che l'arma dello sciopero generale politico.. rivendicato come tale da Landini, è un'arma sproporzionata contro il governo Draghi.
Dopo.. che arma resta?
 
 
 
Potrebbe essere un primo piano raffigurante 1 persona 

Rivoluzione in casa

Calcolo che ... fra scale da togliere, cartongessi, impianti elettrici e imbianchini, mi aspetta ancora più di un mese a dormire sul divano con vestiti e oggetti di prima necessità stipati nelle borse della spesa e i cappotti buttati qua e là.
Barth è molto a disagio.. perché non capisce la rivoluzione degli spazi.
Quindi miagola meno, controlla il suo cibo e non mi molla mai, come un bambino piccolissimo.
D'altra parte, nei momenti di difficoltà, si cerca sempre la mamma.
 
Potrebbe essere un'immagine raffigurante gatto e spazio al chiuso

Astuto colpo di propaganda

Astuto colpo di propaganda, quello della Meloni e del suo team, nell'aver collocato la tradizionale festa di partito non nel calderone delle feste di settembre, ma a ridosso della Finanziaria, del Pnrr e della successione al Quirinale.
Grande centralità, grande diplomazia politica con tutti, sorrisi, feste e cotillion prenatalizi.
Però, con il comizio finale, è cascato l'asino: nessuno sforzo unitario per la successione Mattarella, nessuno sconto al Governo Draghi, ironici insulti di eccessivo filofrancesismo a Letta, consueto appello ai valori tradizionali e cristiani, attacco all'Europa globalista, appello a tutti i conservatori italiani e riconoscersi in Fratelli d'Italia.
"Pensavo fosse amore e invece era un calesse" ... è ritornata Vox...
Fratelli d'Italia abbastanza lontana da An....
La vecchia pelle, la vecchia razza in sala antieuropeista.
E chi sarebbe il Presidente "patriota"?
Ma Silvio Berlusconi, s'intende.
Perchè di Draghi non ci si può ancora fidare.
Forse non ci crede neanche lei, ma un omaggio a Silvio va sempre bene e costringe il centrodestra rissoso all'unità.
Oggi, tanto per gradire, Salvini incomincia dal giro contrario.
 
 Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona
 
 

LA MIA ANIMA HA FRETTA

La mia amica Piera Egidi, qualche giorno prima del mio 72°compleanno, mi ha mandato questa bella riflessione del poeta Mario de Andrade.
La metafora è semplice: i cioccolatini non sono più moltissimi e vanno gustati con accresciuto piacere.
Non è questione di ragionamenti, ma di sentimenti.
Il compleanno di quest'anno va un po' cosi.. con una soffusa mestizia per la morte di mia mamma e di molti amici e compagni, poco più vecchi di me, o della mia stessa età, che se ne sono andati.. per tumore o per Covid.
Sono legami che si spezzano e si avanza sempre più soli.
Nel bilancio positivo metto invece quel tanto di sicurezza e libertà che che l'età matura consente.
Non mi imbarazzano i miei anni.
Mentre alcuni miei conoscenti (un bellissimo signore non ancora 60enne, molto punk.. e una mia amica super intellettuale), consci del loro aspetto molto giovanile hanno formalmente incominciato a togliersi gli anni posticipando, con chi non li conosce da tempo, la loro effettiva data di nascita.
In una società che invecchia le persone anziane, se hanno avuto una vita non troppo difficile alle spalle, possono esprimere molta forza e propositivitá.
È solo il vuoto che si fa più largo intorno che induce a pensieri molto impegnativi, a maggiori responsabilità.
Nella foto si vede che il mio amico Fabrizio Morri si aggiunge alla compagnia della domenica alla Casa del Quartiere.
"Bel poema di Mario de Andrade (San Paolo 1893-1945) Poeta, romanziere, saggista e musicologo.
Uno dei fondatori del modernismo brasiliano.
______________________
LA MIA ANIMA HA FRETTA
Ho contato i miei anni e ho scoperto che ho meno tempo per vivere da qui in poi rispetto a quello che ho vissuto fino ad ora.
Mi sento come quel bambino che ha vinto un pacchetto di dolci: i primi li ha mangiati con piacere, ma quando ha compreso che ne erano rimasti pochi ha cominciato a gustarli intensamente.
Non ho più tempo per riunioni interminabili dove vengono discussi statuti, regole, procedure e regolamenti interni, sapendo che nulla sarà raggiunto.
Non ho più tempo per sostenere le persone assurde che, nonostante la loro età cronologica, non sono cresciute.
Il mio tempo è troppo breve: voglio l’essenza, la mia anima ha fretta. Non ho più molti dolci nel pacchetto.
Voglio vivere accanto a persone umane, molto umane, che sappiano ridere dei propri errori e che non siano gonfiate dai propri trionfi e che si assumano le proprie responsabilità. Così si difende la dignità umana e si va verso la verità e l'onestà.
È l’essenziale che fa valer la pena di vivere.
Voglio circondarmi da persone che sanno come toccare i cuori, di persone a cui i duri colpi della vita hanno insegnato a crescere con tocchi soavi dell’anima.
Sì, sono di fretta, ho fretta di vivere con l’intensità che solo la maturità sa dare.
Non intendo sprecare nessuno dei dolci rimasti. Sono sicuro che saranno squisiti, molto più di quelli mangiati finora.
Il mio obiettivo è quello di raggiungere la fine soddisfatto e in pace con i miei cari e la mia coscienza.
Abbiamo due vite e la seconda inizia quando ti rendi conto che ne hai solo una. "
Da inviare agli amici dai 50 anni in su
(Proibito trattenerlo)
 
 
 
Potrebbe essere un'immagine raffigurante 4 persone e spazio al chiuso 

Fascino invernale a Torino

Bella la fontana delle stagioni al Valentino perfettamente ghiacciata.
L'amica che mi accompagna sostiene che il volto di una statua del gruppo a sinistra è quello di Karl Marx.
Da lontano non si vede, ma da vicino è proprio così.
Curiosità torinese da approfondire.
 
 
Potrebbe essere un'immagine raffigurante attività all'aperto e monumento

Cerca nel sito


Podcast

Appuntamenti

Salvare l'Europa: come uscire dal debito e dalla stagnazione

Venerdì 26 febbraio 2016
Sala Viglione, Palazzo Lascaris
Via Alfieri 15
Torino

Presiede: Magda Negri

Intervengono: Davide Gariglio, Mercedes Bresso, Alberto Majocchi, Enrico Morando

Leggi tutto...

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico