header

Magda Negri

header

Così è Natale

Anche se la casa non è ancora finita.. si trova sempre un posto per l'albero di Natale... sul ballatoio.

Le statuine del presepe non ne potevano più di stare in cantina..
Chissà cosa si diranno fra loro questa notte.
Felice regressione infantile.
Ne ho altre 2 scatole e fra una settimana saranno "liberate" nella casa di Dubbione.
Senza di loro non è Natale.
 

Appello per la vita di Fahimeh Karimi

Hanno impiccato questa mattina il primo dei manifestanti iraniani contro il regime.
Un giovane di 23 anni, accusa "ODIO contro Dio".
Eseguita quindi la prima sentenza di morte.
Altre ne seguiranno.
Condanna a morte, per fortuna non ancora eseguita, per Fahimeh Karimi, madre di 3 figli per cui La Stampa ha lanciato una petizione.
Grazie al The Guardian e a La Stampa, che cercano di mobilitare l'opinione pubblica.
Grazie al partito radicale, che indirrà una marcia per la libertà delle donne e del popolo iraniano.
Noi, intanto, ci indigniamo moderatamente mentre prepariamo l'albero di Natale.


https://www.change.org/p/appello-per-la-vita-di-fahimeh-karimi?signed=true

Ricordi

Giugno 2005.
Festa per gli 80 anni di Giorgio Napolitano.
Seduto si vede riflessivo Emanuele Macaluso, poi Graziella, io, il prof Massimo Salvadori, e la moglie di Giovanni Matteoli.
Le mie 2 amiche ed Emanuele non ci sono più...
 

Si dice che si è vecchi quando si rimpiangono cose, persone...

Si avvicina la data del mio compleanno.
L'età si fa grave, importante.
Sono molto serena, ma sempre di più mi assale il ricordo e il rimpianto degli amici e dei compagni che non ci sono più.
Sono figlia unica, mai rimpianto di esserlo, e le amicizie profonde, cementate dagli anni, sono sempre state parte essenziali della mia vita.
Raramente ho abbandonato i miei amici o lo sono stata da loro.
Quando un amicizia si logora o è tradita.. è peggio di un amore.
Per molti anni ho sognato Domenico Carpanini, un affetto rimasto intatto, ben sapendo che era morto, ma parlandogli come fosse vivo.
Questa notte, dopo tanti giorni che la pensavo, ho sognato Graziella Pagano, bella e brillante come nessuna, generosa verso tutti come sanno solo quelli che l'hanno conosciuta.
Era in uno splendido vestito di lamè scintillante e ci accingevamo entrambe ad andare a fare una nuotata.
C'entra poco il vestito di paillettes e il nuoto, ma così è.
Le facevo promettere di vederci ancora, nonostante le dimensioni diverse che abitavamo.
Si dice che si è vecchi quando si rimpiangono cose, persone...
Allora io convintamente invecchio, e va bene così.

C'è un tempo per ogni cosa.. e dopo un Congresso se ne fa un altro

Consigli non richiesti, lo so, ma considerando il Pd, la mia comunità politica, non rinuncio a dire la mia.
Allo stato attuale delle candidature e conoscendo tutti i competitori politici, la loro biografia, la loro impostazione culturale ecc., io voterò Bonaccini.
Ma perchè la coppia con il pur ottimo Nardella?
Cosa aggiunge?
Il profilo del futuro segretario del Pd non può essere quello di un Amministratore all'ennesima potenza.
Attenti alla retorica del partito dei sindaci.
Abbiamo bisogno di quello, ma di tanto altro insieme.
Abbiamo bisogno di organizzazione e vicinanza alle persone (una volta si diceva aderire a tutte le pieghe della società), ma insieme di grande politica e grande strategia, mentre cambia il sistema politico italiano.
Se appartenessi alla ricca sinistra del Pd proporrei Gianni Cuperlo, che ha un'idea piuttosto diversa dalla mia su cosa deve essere il Pd, ma che del Pd è parte costitutiva.
Penso che Schlein avrà un buon risultato e porterà dirigenti ed energie nuove.
Ma essendo una vecchia militante di partito non affido la direzione massima del mio partito a un'esterna, non estranea, che ha voluto marcare in questi anni la sua caratteristica di "compagna di strada".
C'è un tempo per ogni cosa.. e dopo un Congresso se ne fa un altro.

Si può trattare con il tiranno?

Le mozioni sull'Ucraina in Parlamento vanno come sono sempre andate, con divisioni all'interno dei vari schieramenti, come fu per l'Irak e i balcani.
Più o meno è stato detto tutto.
Ora bisogna sperare in un decalage degli interventi armati durante l'inverno e l'apertura di un negoziato difficilissimo, ma cui guardano esplicitamente Usa, Francia, India e Cina.
Europa, nella sua unità, non pervenuta.
Spesso le parole della presidente della Commissione mi sembrano durissime, come giusto, contro la Russia di Putin, che piega la popolazione civile ucraina con bombardamenti feroci, ma mai, proprio mai, fa cenno a una tregua, se non a una pace necessaria.
Personalmente penso che Putin resterà e l'autocrazia non sarà rovesciata a breve.
Si può trattare con il tiranno?
A che condizioni?
Su questo si misurerà la comunità internazionale e, segnatamente, l'Occidente e l'Europa.
 
 

Cerca nel sito


Podcast

Appuntamenti

Salvare l'Europa: come uscire dal debito e dalla stagnazione

Venerdì 26 febbraio 2016
Sala Viglione, Palazzo Lascaris
Via Alfieri 15
Torino

Presiede: Magda Negri

Intervengono: Davide Gariglio, Mercedes Bresso, Alberto Majocchi, Enrico Morando

Leggi tutto...

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico