header

Magda Negri

header

È tornata la primavera.. anche sul mio balcone

È tornata la primavera.. anche sul mio balcone.
E' tornata anche una piccola ape e gira intorno ai fiori bianchi.
Una specie di ape supercicciona a strisce nere e gialle, che sembra un calabrone, frequenta invece fiori vari che sono sbocciati da vecchi bulbi interrati nei vasi da tanti anni.
Non avrei mai immaginato, un anno dopo, di trovarmi in semi lockdown a guardare la primavera dal balcone.
Rispetto all'anno scorso possiamo girare nei giardini di Torino.
Ma non si può superare la cinta sanitaria.
Obiettivo massimo Superga.
Stupinigi è già zona proibita.
Mi danno la multa.
Pasqua iperdomestica.
Pic nic alla Pellerina.. o al Parco di Vittorio.
 

Avevamo ragione....Domenico.

Mi dispiace molto di non poter essere stata, questa mattina, alla tomba di Domenico Carpanini... per i 20 anni dalla morte. Bongiovanni ci aveva convocato per tempo .. ma la Domenica mattina per motivi famigliari è una data proibita.
L'anno scorso, mi pare fosse proprio in quella data, aveva partecipato anche Chiara Appendino.. accompagnata da Castellani e aveva pronunciato parole piene di stima.
Sono contenta, ripensando a quei momenti, di non averlo visto morire.
Non ero andata a quell'Assemblea perché dovevo partire con lui con il primo aereo per Roma il giorno dopo.
Ci aspettavano per una manifestazione dei Candidati sindaci dei Ds per le imminenti amministrative.
Con Domenico avevo un rapporto di amicizia profonda, anche di complicità.
Su questioni private...
Mi è capitato di sognarlo spesso in questi anni.
Io non sogno mai o almeno non ricordo i sogni.
Nei sogni che lo riguardavano avevo la perfetta consapevolezza che non era più tra i vivi.
Ma ci veniva a trovare.. in occasioni molto quotidiane.
Non sono religiosa nè superstiziosa... credo solo che si materializza un rimpianto.
Nel libro a più mani che gli dedicammo, con la prefazione di Giorgio Napolitano, ho scritto un saggio abbastanza lungo sulla nostra comune esperienza politica.
In conclusione avevo affermato che Torino avrebbe avuto ottimi sindaci.. ma nessuno come lui, con un rapporto così carnale con la città.
Avevamo ragione....Domenico.

LETTERA APERTA AL PD: perché nessuno dei nostri cambi casa!

di Gaspare Enrico

Sono uno dei tanti fondatori del PD e tutt'ora sono iscritto e anche segretario di un piccolo circolo.
Sento tanto malcontento in parte per le caratteristiche del Governo appena nato e in parte soprattutto per le posizioni deboli e non incisive cha abbiamo assunto nella fase finale del Governo Conte 2 e durante la crisi.
A chi, persona di sinistra da sempre, dice e scrive: "cerco una nuova casa" sono indotto a dire: "di questi tempi tutte le case sono lesionate - tanto o poco- anche quelle più nuove; anzi tutte un giorno sembrano sfavillanti e dopo pochi mesi sembrano già vecchie". La ricerca salvifica di nuova case sappiamo che produce case dello 0,..%
MA
- mentre dico a me e a tutti quelli che oggi vivono nella nostra casa che dobbiamo insieme capire cosa cambiare perché la nostra casa sia davvero robusta e sfidi il nuovo, il futuro
- dico a voi, dirigenti nazionali, che siete voi a dover capire che c'è tanto da cambiare e che il cambiamento passa attraverso un coinvolgimento vero di chi vive nella casa.
Draghi è tante cose ma nell'immaginario collettivo è il tecnico che garantisce di fare le cose che dice e le cose che dice parlano di coesione, di transizione ambientale, di innovazione, di produttività nella PA, di investimenti nella scuola, di campagna di vaccinazione rapida.
Noi in questi mesi abbiamo detto "Conte" e poi abbiamo indicato 3 Ministri scelti con il bilancino delle correnti.
Tutto lì? Troppo poco. Ma il troppo poco è dovuto al fatto che negli ultimi anni noi non abbiamo pensato, studiato, avanzato proposte, non ci siamo caratterizzati su quei punti citati prima.
Il nostro sguardo è rivolto alla politica politicante, dentro e fuori al partito. NON VA BENE. CHIEDO DI APRIRE UNA GRANDE DISCUSSIONE.
Una discussione che non deve essere un congresso perché diventerebbe di nuovo una sfida tra le correnti.
Dobbiamo pensare, elaborare, proporre un futuro fatto di
- scuola che dovrà cambiare rispetto al passato,
- di corsi di studio universitari che dovranno cambiare,
- di transizione ambientale che cambierà il nostro modo di spostarci e le case in cui viviamo
- di sostengo ai tanti che vivranno di lavori a termine con buchi di inattività
- di salute che non dovrà essere solo quella sanitaria e ospedaliera
Perché mentre un Governo Conte faceva le cose che ha fatto noi come partito, di questo avremmo dovuto far discutere tutti quelli che lo volevano, specialisti e utenti.
Mentre Draghi governerà noi su questi temi dovremo elaborare le proposte del PD.
Il partito vive guardando la società, capendo cosa cambia ed elaborando proposte. Non siamo il Governo, siamo un partito delle sinistra italiana, europea.
FACCIAMO QUESTO PERCHE' NESSUNO ABBIA VOGLIA DI CAMBIARE CASA...... se siamo in tempo.

Partiti sotto processo

Con l 'intervista dell'altro ieri a LaRepubblica e un articolo sullo stesso quotidiano, Enrico Letta e Marco Bentivogli hanno messo i partiti attuali sotto processo.
Anche il PD naturalmente.
E' ora di attuare l'art. 49 della Costituzione sulla natura dei partiti, dice Letta... più radicale la critica di Bentivogli.
I partiti son diventati patti di sindacato per accedere alle risorse del governo a vari livelli.. reticolo di finte correnti, "la parabola del centralismo democratico delle correnti.. caporalizzazione, stanno segnando il default strategico dei partiti".
Parole dure ma vere.
A Torino e in Piemonte non facciamo eccezioni e nel PD anche i dirigenti più giovani non hanno le idee e la forza per invertire questo stato di cose.
Si apre una stagione intensa a sinistra.
Bisogna rimettersi a lavorare.. per la democrazia in Italia.. perché il Parlamento non sia più un souk.. perché fra 2 anni Salvini non diventi presidente del Consiglio.
 
 
 

La guerra sarà tra i sani e i malati

Leggo sui giornali di oggi di grandi disfunzioni al Centro vaccinale di Via Gorizia.
Ottantenni sorpassati da insegnanti convocati per errore etc.
Sono molto preoccupata.
Il medico di base ha chiesto numero di telefono ed email e molti altri dati per mia mamma, che dovrebbe essere vaccinata in casa.
Poi silenzio assoluto... nessuno ci ha cercato.
Temo che l'abbandonino accasciata nella sua poltrona e ci dimentichino del tutto.
Forse prima degli ottantenni ci sono gli ultraottantenni e gli invalidi.
Nascerà una guerra, non tra i poveri ma tra i sani e i malati.
Conosco giovanotti appartenenti ad Ordini professionali non sanitari che sono già stati vaccinati.
Fra poco si litigherà, non per il pane ma per una dose di vaccino in questo disgraziato paese.
 

Cerca nel sito


Podcast

Appuntamenti

Salvare l'Europa: come uscire dal debito e dalla stagnazione

Venerdì 26 febbraio 2016
Sala Viglione, Palazzo Lascaris
Via Alfieri 15
Torino

Presiede: Magda Negri

Intervengono: Davide Gariglio, Mercedes Bresso, Alberto Majocchi, Enrico Morando

Leggi tutto...

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico