header

Magda Negri

header

EMMA BONINO INTERVIENE AL SENATO SULLA FIDUCIA AL CONTE BIS

Non ho dimenticato la fiducia in Senato.
Incontro a Milano compagni che, pur approvano la soluzione dopo l' implosione dei giallo verdi, sono in grande allarme per la volontà di ripristinare la legge elettorale pura, che nel Pd nessuno ha discusso e autorizzato.
Pubblico il severo intervento di Emma Bonino che condivido integralmente.
Non saprei dire meglio.

https://youtu.be/4ypEjtTAHYA 

Milano è esplosa dopo l'Expo

Ieri a Milano per incontrare mia figlia che insegna alla Statale, l' Università dove anche io avevo studiato e mi ero laureata nel 1972, molto precocemente, e con un 110 e lode credo meritato.
Nessun vanto..solo studiavamo moltissimo e con grande passione.
Non andavo in centro a Milano da circa 2 anni e ieri ho scoperto una città letteralmente assediata dai turisti, con i bar della famosa galleria invasi da clienti in coda..come lunghissima era la coda per entrare in Duomo.
Non avevo tempo è ci ho rinunciato.
I miei amici milanesi mi dicono che il turismo è esploso in città dopo l' Expo... ed è una esplosione non effimera ... un salto di qualità.

Il discorso di Conte per la fiducia alla Camera: "Questo progetto politico segna l'inizio di una nuova stagione riformatrice"

Ho potuto ascoltare solo la replica di Conte alla Camera.
Duro verso gli ex alleati.. a tratti rancoroso, di uno che ha patito nella vecchia alleanza.
Ribadisce propositi riformisti di rinnovamento sui temi ambientali di europeismo appassionato.
De Benedetti lo descrive come un manager flessibile della politica... più che un politico in senso stretto.
Definizione che mi sembra indovinata.
La reazione in piazza e in aula della destra radicale ed anti europeista è di una durezza e di una rabbia straordinaria.
Non aver battuto nelle elezioni Salvini, ma solo allontanato, sarà fuoco costante sotto questa ira popolare.
Il Pd avrà molto da fare e credo che si farà rispettare.

Tertium non datur

Comunque la si pensi sull'iter di formazione del nuovo governo, e della sua qualità "ottimo il terzetto europeista di punta Gualtieri, Amendola e Gentiloni", permane un problema politico che dovremo affrontare nei prossimi mesi: si può essere maggioranza parlamentare e minoranza elettorale nel paese?
Evidentemente no.
Quindi la soluzione è costruire nel paese una vera maggioranza politica.
Tertium non datur.

Sinceri auguri al nuovo governo!

Fatto il governo, anche con molte novità: non mi interessa e non ho nessun diritto di apprezzare ..criticare etc le singole scelte.
Sinceri auguri perché riguarda tutti noi.
Ma resta un fondamentale nodo politico.
Era possibile l'altra strada, di un governo di transizione, per preparare nuove elezioni?
Quali scenari si aprono per la sinistra riformista con l'abbraccio, con la forza populista per eccellenza dei 5S?Grande soddisfazione per la benedizione e l' aspirazione europea.
Mettiamola a frutto.
Impariamo da quella bestia di Johnson.
Il suo "He thinks He Will not win", gettata in faccia a Corbyn non deve diventare il senso comune dei cittadini italiani verso il nuovo governo.
Per i problemi strategici più generali sono molto d' accordo con l' editoriale di Annunziata su HP.
 
 

Maratona Mentana scottante!

Seguendo la Maratona Mentana.... e prima di recarmi al Festival in Corso Grosseto... 
Sento i possibili nomi dei futuri componenti del prossimo governo e mi pare che ci siano due canali.
I 5S non hanno nomi nuovi e confermano quasi tutta la delegazione precedente. 
Il PD, tranne Gentiloni che se ne andrebbe in Europa, ha nomi di quadri molto giovani, talvolta inesperti, comunque nessuno che abbia avuto esperienze precedenti di governo.
La discontinuità vale solo per noi.
Vediamo come finirà la questione del sottosegretario alla presidenza del consiglio. 
Il PD rischia comunque di essere fuori da Palazzo Chigi in senso stretto. 
Aspettiamo per un giudizio più fondato...

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico