header

Magda Negri

header

Il Pd porti l'agenda Monti nella prossima legislatura

Basta ambiguità «Stop a inaccettabili inversioni di marcia sulle iniziative di riforma dell'esecutivo»

Il governo Monti ha assunto un ruolo da protagonista in Europa. Dagli interventi immediati per far fronte all'emergenza, fino a un nuovo ambizioso piano di unione fiscale, finanziaria e politica, sono le proposte e le iniziative italiane a informare di sé il confronto, le possibili soluzioni, le tappe di un credibile percorso di avvicinamento agli obiettivi. Per noi, che siamo tra quanti hanno prima proposto e poi attivamente operato perché il governo Monti nascesse, si tratta di una conferma attesa: l'azione sviluppata dal presidente del Consiglio e dal suo governo in questi mesi - sia in Italia, sia nell'Unione Europea e nel più ampio contesto globale - può essere coronata da successo e deve quindi essere sostenuta, con piena convinzione, fino alla scadenza naturale della legislatura, nella primavera del 2013.

I termini essenziali dell'agenda riformatrice dei prossimi mesi sono chiari: incisiva e coraggiosa revisione della spesa pubblica, per conseguire il pareggio strutturale di bilancio, per ridurre l'imposizione fiscale sul lavoro e l'impresa, per tornare a investire sulla formazione del capitale umano, sulla ricerca e sull'infrastrutturazione del Paese, per introdurre maggiori elementi di equità intergenerazionale nel sistema del welfare, affrontando la fase transitoria attraverso soluzioni coerenti e non regressive, rispetto alla logica della riforma. Nel breve, devono derivare da risparmi di spesa le risorse necessarie per centrare l'obiettivo del pareggio strutturale senza ricorrere - dal primo ottobre prossimo - al già deliberato aumento delle aliquote Iva, che finirebbe per approfondire la recessione in atto. È in questo contesto che noi vogliamo operare, nell'immediato, per il pieno superamento, nel Partito democratico - che ha avuto il merito di concorrere in modo determinante a questa decisiva svolta politica - di ogni residua ambiguità sul giudizio circa l'azione svolta fino a oggi dal governo Monti.

Leggi tutto...

Monti ci spiega il vertice europeo

Ieri al Senato siamo entrati "dentro" il vertice europeo appena trascorso.

Monti ha spiegato quello che è avvenuto a Bruxelles, che non tutti i giornali hanno spiegato con chiarezza: la logica della "riserva di attesa" posta all'approvazione del patto per la crescita e i risultati ottenuti in materia di stabilizzazione dei mercati.

Il vertice europeo non può fallire



Il vertice europeo non può fallire: rafforzare l'euro e la comunità europea, rafforzare l'unità politica, attivare meccanismi di cessione di sovranità, andare verso l'unità fiscale, l'unità bancaria, l'unità nel finanziamento dei progetti sono tutte cose che non possono non avvenire. Se no gli effetti sulle industrie e sulla vita delle famiglie saranno gravissimi.

Nella politica italiana succedono cose singolari: grave l'azione di PDL e Lega di far fallire le riforme. La riedizione dell'alleanza Lega PDL contro tutti, che è avvenuta ieri in Senato, mette a rischio il cammino futuro delle riforme.

Bisognerà capire: Casini è disponibile all'accordo con un centro sinistra riformista? Bene. Ma il PD deve esibire la sua carta riformista perché l'alleanza con Casini sia credibile e non una generica ammucchiata.

Pradleves: quando il cambiamento è governato con consapevolezza

Domenica 24 a Torino gli amministratori della prima e della seconda cintura hanno discusso delle prossime funzioni dell'area metropolitana che sostituirà, forse, la provincia.

Negli stessi giorni a Pradleves, piccolo comune occitano della val Grana, la comunità di valle festeggiava in modo singolarissimo gli accorpamenti di funzioni che la riforma delle comunità montane e le ristrettezze finanziarie impongono.

Questo piccolo paese non avrà più la possibilità di tenere aperta la sua scuola multi classe e nascerà a Monte Rosso, paese vicino, una scuola unificata di valle.

Tutto il Paese si è unito intorno ai bambini che terminavano le loro classi elementari e alla presenza del sindaco degli assessori e di tutte le famiglie ha concesso loro la cittadinanza onoraria.

Commovente il discorso della maestra Traversa, ultima di una schiatta di gloriose maestre di montagna, che ha ricordato ai ragazzi: "La vostra scuola non finisce, si sposta e si trasforma".

Ha evocato le immagini di trent'anni fa, quando in inverno nelle borgate intorno i genitori scavavano strade di neve e tutti i bambini in fila si recavano alla scuola elementare di Pradveles a 900 metri, provenendo da frazioni assai lontane. La maestra li aspettava e quando vedeva arrivare tutti quei puntini neri sulla neve bianca si rassicurava.

Tutto è cambiato da allora, ma il calore con cui questa piccola comunità ha accompagnato la trasformazione istituzionale è un esempio di come anche le cose più innovative e forse non sempre gradite possano essere governate con consapevolezza.

PD, Bilancio 2011: certificato, approvato e open

Non eravamo moltissimi ma considero la Direzione del PD tenutasi ieri piuttosto solenne. Abbiamo discusso e votato il Bilancio del 2011, certificato da Pricewaterhouse Coopers, la maggiore società di revisione a livello internazionale. Tutto bene, abbiamo anche un consistente avanzo di liquidità che potrà servire per la prossima campagna elettorale. Saremo anche il primo partito a pubblicare i numeri dei propri rendiconti anche in formato open data.

Com'è giusto, fra pochi mesi il rimborso elettorale dei partiti sarà dimezzato, quindi tutto il modello di funzionamento del Partito centrale andrà ripensato, probabilmente non riusciremo più a reggere 180 persone tra impiegati, giornalisti ecc... La spending review dovrà essere applicata in modo scientifico ad ogni voce di spesa.

Penso a un futuro prossimo in cui anche un grande partito come il PD possa vivere del proprio: meno contributi e rimborsi spese, più autofinanziamento.


Infografica Finanziamento ai Partiti

La comparazione europea dimostra che se passerà la riforma del finanziamento dei partiti l'Italia sarà prima dell'Inghilterra fra le nazioni che riservano meno risorse pubbliche ai partiti.

Si possono avere le idee più diverse in proposito ma è sempre bene partire da una corretta informazione.

Parleremo della crisi e del futuro di Torino. Un’importante occasione di confronto politico

Ripubblico qui una mia intervista uscita martedì 19 giugno 2012 su Torino Cronaca, disponibile anche in DPF.

 

Anche quest'anno i cittadini torinesi troveranno a giugno e a luglio in tanti comuni della provincia le Feste democratiche: un luogo insieme tradizionale e nuovo di incontro, divertimento e confronto politico. Un modo, insomma, per stare insieme intelligentemente in un momento così duro nella vita del paese, che servirà anche a far capire la natura delle difficoltà che viviamo e il modo per uscirne. 

Sen. Negri, il vento dell’antipolitica scuote tutti i partiti ma le Feste Democratiche continuano a godere di buona salute...


La realtà dimostra che questi appuntamenti davvero popolari continuano a corrispondere nel modo più democratico alle esigenze di partecipazione vera, personale e non virtuale, di tanti cittadini e di tanti lavoratori. I quali vogliono, anche divertendosi, toccare con mano come funziona un grande partito, incontrarne i rappresentanti, conoscere non solo i decisori pubblici ma i rappresentanti di associazioni e di movimenti. In sostanza, diventare protagonisti, anche solo partecipando a un dibattito, delle trasformazioni e dei cambiamenti del proprio quartiere, della propria città, dell'Italia.

Leggi tutto...

Cerca nel sito


Podcast

Appuntamenti

Salvare l'Europa: come uscire dal debito e dalla stagnazione

Venerdì 26 febbraio 2016
Sala Viglione, Palazzo Lascaris
Via Alfieri 15
Torino

Presiede: Magda Negri

Intervengono: Davide Gariglio, Mercedes Bresso, Alberto Majocchi, Enrico Morando

Leggi tutto...

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico